×
1 346
Fashion Jobs
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
CONFIDENZIALE
Customer Care Team Leader (m/f)
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Area Manager Trentino Alto Adige
Tempo Indeterminato · BOLZANO
SLAM JAM SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Area Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
CRM Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Area Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
District Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
Responsabile Laboratorio Collaudo e Certificazione Qualità
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Key Account Manager - Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIOLI S.R.L.
E-Commerce Operations Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
TOMMY HILFIGER
Assistant Manager
Tempo Indeterminato · PONTECAGNANO FAIANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Reuters API
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
28 gen 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Dopo un solido 2019, Givaudan spera in buoni risultati quest’anno

Di
Reuters API
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
28 gen 2020

Il produttore di profumi e aromi Givaudan spera di realizzare una crescita di fatturato compresa tra il 4 e il 5% quest’anno, nella forchetta prevista per i suoi obiettivi a medio termine, ma leggermente al di sotto dei risultati ottenuti nell’ultimo esercizio, che ha beneficiato di un aumento dei prezzi.

Photo : Shutterstock


“Abbiamo una strategia a cinque anni e siamo molto fiduciosi nella nostra capacità di attuarla”, ha dichiarato il Direttore Finanziario dell’azienda svizzera, Tom Hallam, all’agenzia Reuters. “Non effettueremo ulteriori aumenti di prezzo. La domanda resta solida sui mercati in forte crescita. La fiducia negli Stati Uniti è buona e molte delle questioni che ci ponevamo per l’Europa nel 2019, come la Brexit, sono ormai alle spalle”.  
 
Givaudan, che sviluppa aromi e profumi per aziende di beni di consumo o di prodotti di lusso, sta traendo beneficio dal trend attuale che privilegia ingredienti naturali e prodotti per la salute e il benessere, oltre che dalla domanda di nuovi sapori come i sostituti vegetali alla carne.

Ma le attività dell’azienda con i suoi grandi clienti mondiali hanno rallentato e la clientela locale e regionale rappresenta oggi più della metà delle vendite. “I nostri grandi clienti hanno ancora delle difficoltà ad assicurare la loro crescita su alcuni grandi mercati (come il Nord America)”, spiega Hallam.
 
Le azioni di Givaudan, che hanno raggiunto un livello record la scorsa settimana dopo essere aumentate di oltre un terzo l’anno scorso, sono scese del 2,1% il 27 gennaio. Gli analisti hanno sottolineato un rallentamento della crescita nell’ultimo trimestre, pur riconoscendo il miglioramento dei margini e dei flussi di tesoreria nel secondo semestre.
 
Nel 2019 l’utile netto è aumentato del 6%, raggiungendo i 702 milioni di franchi svizzeri (657,3 milioni di euro), mentre la crescita organica, escluse acquisizioni e fluttuazioni monetarie, è aumentata a 5,8%, contro il 5,6% di un anno fa.
 
Secondo il Direttore Finanziario della società, la crescita è rallentata nel terzo trimestre perché si è esaurito l’impatto positivo dell’aumento dei prezzi. Per quanto riguarda il costo delle materie prime, dovrebbe mantenersi stabile nel 2020, dopo due anni di forti aumenti.
 
La società, che compete con la tedesca Symrise e l’americana International Flavors & Fragrances (IFF), ha speso circa 3,6 miliardi di franchi svizzeri (3,37 miliardi di euro) in acquisizioni dal 2014 e, secondo Tom Hallam, non ha intenzione di interrompere tale strategia.
 
Le vendite della divisione profumi sono aumentate del 7,3%, stimolate dalla forte domanda in America, mentre il fatturato della divisione aromi è salito del 4,5%, frenato da deboli performance in Nord America.

© Thomson Reuters 2021 All rights reserved.