×
1 310
Fashion Jobs
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Stock Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
in Store Trainer - Boutique Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
STAFF INTERNATIONAL
Industrial Controller
Tempo Indeterminato · NOVENTA VICENTINA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
ISAIA E ISAIA
Information Technology Business Analyst
Tempo Indeterminato · CASALNUOVO DI NAPOLI
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager - Arredamento
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager- Arredamento
Tempo Indeterminato · BRESCIA
RANDSTAD ITALIA
Sales Manager Usa
Tempo Indeterminato · COMO
Pubblicità
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
1 dic 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Dopo un primo semestre complicato, Mulberry chiede il ritorno agli acquisti tax free in Gran Bretagna

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
1 dic 2022

Il marchio di accessori di lusso Mulberry ha reso noti i risultati del primo semestre del suo esercizio fiscale, vale a dire le 26 settimane concluse il 1° ottobre. La società ha definito la sua performance di buona "resistenza", con un leggero calo delle vendite. Il giro d’affari del gruppo nel periodo è sceso del -1% a 64,9 milioni di sterline (75,2 milioni di euro), a causa di vendite retail nel Regno Unito "influenzate dal contesto economico generale" e scese del -10% a 34,1 milioni di sterline, o 39,5 milioni di euro.


Mulberry


Sorprendentemente, le vendite retail in Cina sono invece cresciute del 6%, nonostante le restrizioni legate al Covid-19. Ciò ha contribuito all'aumento dell'1% del fatturato retail in Asia-Pacifico, che si è attestato a 11,9 milioni di sterline (13,8 milioni di euro). Le vendite retail internazionali sono rimaste sostanzialmente stabili a 17,5 milioni di sterline (20,2 milioni di euro).
 
La società ha anche affermato che i ricavi delle vendite online sono diminuiti del -15% a 16,3 milioni di sterline (18,9 milioni di euro) poiché gli acquirenti sono tornati nei negozi fisici.

Tuttavia, anche il fatturato realizzato nei negozi è sceso del -3%, a 35,3 milioni di sterline (40,9 milioni di euro). Tutto ciò si traduce in un calo complessivo delle vendite retail del -7%. I ricavi del canale franchising e wholesale sono invece aumentati del 32% a 13,3 milioni di sterline (15,4 milioni di euro).
 
Il margine lordo si è attestato al 71%, in salita rispetto al precedente 69%, grazie a “una focalizzazione sulle vendite a prezzo pieno e a un aumento della produttività".
 
La griffe ha però registrato una perdita ante imposte di 3,8 milioni di sterline (4,4 milioni di euro), rispetto a un utile di 10,2 milioni di sterline (11,8 milioni di euro) lo scorso anno. L'anno precedente aveva però beneficiato di 2 milioni di sterline (2,3 milioni di euro) di sgravi fiscali e di un utile eccezionale pari a 5,7 milioni di sterline (6,6 milioni di euro) relativo alla cessione del suo contratto di locazione parigino.
 
Il CEO Thierry Andretta ha dichiarato: "Abbiamo tenuto bene nel complesso, grazie in particolare alla forte domanda internazionale e ai continui investimenti nel Regno Unito".
 
Il manager ha però ribadito l’importanza di un ritorno agli acquisti detassati per i turisti stranieri in Gran Bretagna, che sono stati eliminati con la Brexit, affermando che gli acquirenti stanno evitando Londra a favore delle destinazioni europee. Ha aggiunto che in passato circa la metà delle vendite del negozio londinese di Mulberry in Bond Street proveniva dai turisti internazionali, contro meno del 5% oggi.
 
Andretta ha però evidenziato un "miglioramento del trend dei ricavi retail" nelle otto settimane precedenti il ​​26 novembre. Nella seconda metà dell'anno, l'azienda ha aperto un punto vendita nel gigantesco centro commerciale Battersea Power Station di Londra. Mulberry ha inoltre acquisito cinque negozi in Australia e tre boutique in Svezia precedentemente gestite da un franchisee.
 
La società ha dichiarato di essere "ben preparata per l’importante periodo delle festività natalizie", aggiungendo però che “permane l'incertezza relativa al contesto economico e geopolitico”.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.