×
1 740
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager Arredo Design
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Pubblicato il
12 apr 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Distribuzione: la Cina supererà gli Stati Uniti nel 2016

Pubblicato il
12 apr 2013

La Cina dovrebbe veder valere il suo mercato della distribuzione 4.200 miliardi di dollari nel 2016, dato che la posizionerebbe per la prima volta davanti agli Stati Uniti in questo comparto.


La Cina vedrà crescere il proprio mercato della distribuzione del 10,3% nell'esercizio 2013, per poi registrare una progressione media del 10,4% nei tre anni che seguiranno, secondo lo studio PwC. Una crescita che passerà soprattutto per il rafforzamento del mercato della moda e dell'abbigliamento, sul quale l’Asia ha già superato i mercati del Nordamerica e dell'Europa Occidentale. Un gap che dovrebbe anche allargarsi in modo significativo nel corso dei prossimi anni, secondo PwC, che si aspetta un forte sviluppo dei marchi stranieri di fast fashion, i quali si daranno battaglia fra loro insieme a una crescente concorrenza locale.

«C'è da notare che i distributori internazionali avranno delle difficoltà a realizzare dei progetti d'espansione di grande portata, perché la recessione sui loro mercati d'origine andrà senza dubbio a pesare sulle risorse che potranno destinare agli investimenti», analizza Sabine Durand-Hayes, responsabile del settore distribuzione e consumo di PwC Francia. «Inoltre, molti Paesi asiatici stanno vivendo delle crisi economiche e sociali che avranno varie conseguenze sul settore della distribuzione. I distributori internazionali devono anche aspettarsi una concorrenza accresciuta degli attori locali, e a consumatori sempre più esigenti».


Non sorprende che il lusso dovrebbe avere un ruolo importante nella crescita della distribuzione asiatica. Il Giappone, la Corea del Sud e la Cina sono già la principale fonte di entrate per i marchi del settore, con quasi il 20% del fatturato mondiale concentrato in Cina. Un successo del lusso che dovrebbe dare vantaggi in tempi rapidi ai marchi locali presenti su questo segmento, e portare al perfezionamento di varie partnership fra marchi globali e locali.

Lo sviluppo del mercato asiatico passerà inoltre attraverso un significativo aumento delle vendite online. Circa il 41,4% dell’e-commerce B2C internazionale dovrebbe essere localizzato nel continente entro il 2016. La Cina da sola dovrebbe attrarre il 23,4% delle vendite mondiali, contro il 9,9% di oggi. Una crescita che dovrebbe essere sostenuta ampiamente dall'estensione della rete cablata ad alta velocità, dall’incremento nell'uso degli smartphone e dall'importante sviluppo di strutture logistiche nella zona.

Matthieu Guinebault (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.