×
1 326
Fashion Jobs
NUOVA TESI
Responsbaile Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · MODENA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato ·
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Settore Accessori Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Commerciale & Marketing (241.lf.44)
Tempo Indeterminato · USMATE VELATE
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
MARNI
Specialista Tesoreria e co.ge
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Trainer Skincare
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Retail Analyst
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Regional Visual Merchandising Manager German Speaker
Tempo Indeterminato · LUGANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
25 mag 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Dior uomo, Primavera 2022: da Bohan ai grandi felini

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
25 mag 2021

Forse, almeno per una stagione, la gente potrebbe ribattezzare il marchio Dior con il nome di Christian Bohan.

 


Per la sua ultima collezione per Christian Dior, infatti, il direttore creativo dell’abbigliamento maschile della maison francese, Kim Jones, ha incanalato nelle proprie creazioni numerose idee prese da quelle dell’ex direttore creativo del marchio, Marc Bohan, il designer che ha avuto il regno stilistico più lungo nella storia della casa di moda parigina.
 
In una collezione elegante e giocosa, Jones ha ripreso l’emblema "CD" di Bohan riproponendolo come un cuore d'amore; e ha utilizzato le grafiche di quel designer in look estivi sportivi all’americana.
 
“Per la collezione uomo Primavera 2022 abbiamo esaminato molte creazioni Dior d'archivio degli anni '60 di Marc Bohan e abbiamo rivisitato alcuni classici della Maison che avevamo già scelto come base per muoverci più oltre per la prossima stagione; una sorta di aggiornamento. Abbiamo riesaminato tutti i suoi più grandi successi e le cose che ci è piaciuto fare di più nel rigenerare l'Atelier Christian Dior. Abbiamo esaminato le diverse tecniche che avevamo adottato, come i motivi floreali, e ci siamo concentrati sui design di Marc Bohan degli anni '60”, ha detto Jones a FashionNetwork.com.
 
Bohan succedette al successore di Dior, Yves Saint Laurent, nel 1960, quando questi partì per il servizio militare, e continuò a guidare la maison per quasi tre decenni, fino al 1989, quando gli subentrò Gianfranco Ferré. Monsieur Dior, che ha messo in scena il suo primo défilé per la casa di moda di Parigi il 12 febbraio 1947, è vissuto solo per un altro decennio, prima di perire per un improvviso malore mentre si trovava alle terme di Montecatini, in Toscana.

Dior uomo, Primavera 2022 - Foto: Brett Lloyd per Dior - Foto: Brett Lloyd per Dior


Sebbene Bohan sia stato meno acclamato dalla critica rispetto a molti dei successori di Dior, sia Jones che il direttore creativo del womenswear Dior, Maria Grazia Chiuri, hanno spesso fatto riferimento a Bohan nei loro progetti, immergendosi nel suo approccio giovanile, nelle sue grafiche e nella sua sapienza commerciale.
 
Inoltre, il passaggio di Jones da Vuitton a Dior lo ha visto fiorire come sarto: dai pantaloni fluttuanti e languidi dal taglio ideale alle giacche iper-fresche strette in vita con cinture abbinate, tagliate con risvolti lunghi e profondi.

Kim si è anche mostrato favorevole all’uso di stampe con grandi felini per la maglieria, facendo leva su cardigan in cashmere con motivi leopardati verdi o su maglioni beige a collo alto. Ancora una volta improvvisando scherzosamente su elementi d’archivio, come quando ha citato le stampe leopardate che Monsieur Dior mostrò nel 1947 nella sua collezione di debutto per il marchio, quella linea spartiacque che notoriamente venne soprannominata “The New Look”.
 
Altre idee interessanti includevano un maglione Aran a girocollo con taglio a V sulla scollatura e una serie di giacche Eisenhower con tasche dalle patte superiori e inferiori oblique. Elementi visti in morbidi shearling reversibili, lane fini o nylon.

Dior uomo, Primavera 2022 - Foto: Brett Lloyd per Dior - Foto: Brett Lloyd per Dior


Un mood americano: dalle magliette da baseball con logo a una giacca college nera e grigia con la scritta "Christian Dior Atelier, Paris Avenue Montaigne 47", che si riferisce all'anno di fondazione della maison.
 
Ma soprattutto, Jones ha creato tanti accessori accattivanti: da varie nuove borse Dior “Saddle”, indossate con tracolle incrociate, ad una intelligente weekender ‘fusa’ con la borsa “Lingot”, fino ad alcune nuove e graziose sneakers “B30”.
 
Bohan e Monsieur Dior avrebbero sicuramente approvato.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.