×
1 505
Fashion Jobs
247 SHOWROOM
Regional Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELEVENTY WORLD SRL
Retail Operations Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Risorse Umane
Tempo Indeterminato · FIRENZE
FIORELLA RUBINO
Fashion Editor
Tempo Indeterminato · ALBA
SIDLER SA
Collection Merchandising Manager Kids / Fashion Brand / Stabio
Tempo Indeterminato · STABIO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Prodotto & Coordinamento Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Area Manager Outlet Europa - Fashion & Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Sistemi Informativi
Tempo Indeterminato · VIGEVANO
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Responsabile Vendite Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
Di
Ansa
Pubblicato il
15 nov 2008
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Dimagrisce anche la cravatta

Di
Ansa
Pubblicato il
15 nov 2008

(ANSA) - PARIGI, 14 NOV - Torna di moda la cravatta ma col lifting e dimagrita. Diversa da quella di un tempo, più fine, non necessariamente tagliata a punta, realizzata in tessuti moderni o insoliti come la maglia, e con le applicazioni svariate, dalla pelliccia, alle piume, alle perle, o motivi surrealisti e astratti.



Soprattutto - insiste la stampa specializzata francese - va spesso portata in modo casual, morbida sul collo, e con disinvoltura per tutte le occasioni. Sono gli stilisti ad interessarsi a lei, a farla diventare parte delle loro creazioni, a lavorarla quasi più di un abito, a elevarla ad elemento essenziale del nuovo chic.

Prima la cravatta veniva portata - da molti di malavoglia - in circostanze obbligate, era il simbolo della classe dirigente o peggio un accessorio demodé, addirittura le grandi maison di moda l'acquistavano da produzioni esterne, sotto licenza (il modello era più o meno sempre lo stesso).

Oggi è invece in corso una piccola rivoluzione: le cravatte vengono disegnate dagli stessi stilisti, secondo logiche proprie, senza standard, a volte sono ridotte a semplici laccetti. "La cravatta rappresenta per l'uomo quello che i gioielli sono per la donna. E' un accessorio che ha una sua autonomia che da solo permette di cambiare lo stile di una silhouette", osserva Lucas Ossendrijver, direttore creativo delle collezioni uomo per Lanvin sotto la direzione artistica di Alber Elbaz.

E' un criminale di classe, quasi un gentleman, l'uomo con la cravatta, alla Henri Verneuil nel film 'Colpo grosso al casino'' (1963) con Alain Delon, dell'ultima collezione di Louis Vuitton. La cravatta si colora invece con simboli di mongolfiere, treni a vapore, orologi alla Dalì, per l'uomo viaggiatore della collezione 'Il giro del mondo in 80 giorni' di Viktor & Rolf.

La tendenza a far diventare la cravatta più fine, passando dai classici 9,5 centimetri di larghezza fino a 6 centimetri dei modelli più recenti, era stata inaugurata nel 2000 da Hedi Slimane, direttore artistico di Dior Homme. Nel giro di pochi anni gli stilisti hanno cominciato ad adottarla, prima timidamente, fino a farla diventare un must delle proprie collezioni.

Persino Lacoste la fa portare sulle sue polo, colletto rigorosamente abbassato, tagliata in maglia e non in tessuto per un effetto più morbido. La cravatta diventa anche libertina, seppur per una buona causa, la lotta contro l'Aids, per Hermes che l'ha lanciata viola, diventato colore dell'anno dopo che la premiere dame Carla Bruni l'ha adottato per il suo guardaroba, con un taschino nella parte interna porta-preservativo

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.