Diane von Fürstenberg sulla moda, la sua vita e la Statua della Libertà: “È meglio essere circondati da donne”

Se c’è una designer che meriterebbe di avere un film biografico a lei dedicato quella è sicuramente Diane von Fürstenberg. Una splendida stilista e imprenditrice dalle molteplici carriere che ha incontrato e sposato un principe azzurro a 18 anni; ha inventato l’abito-portafoglio; è diventata la più grande “it-girl” della New York degli anni '70; ha fondato un impero della moda; e infine regna sul Council of Fashion Designers of America (CFDA, l'organo di governo della moda americana) da oltre un decennio. Un trono che sta per cedere a Tom Ford.

Diane von Fürstenberg

Ma la creatrice di moda d’origine belga, incarnazione del sogno americano, sta per presentare uno dei suoi progetti più ambiziosi. Diane von Fürstenberg ha supervisionato la creazione di un museo dedicato a uno dei più iconici monumenti statunitensi: la Statua della Libertà, scoperta alla sua prima visita a New York nel 1970.
 
Mercoledì 15 maggio, DVF - acronimo ampiamente utilizzato dalla stilista - inaugurerà il museo, che si estende su una superficie di circa 2.500 metri quadrati. Come presidente della campagna di raccolta fondi della nuova istituzione, ha convinto una sua vecchia amica, l'artista franco-americana Anh Duong, a creare un murales chiamato Liberty Star, che riunisce 50 stelle scolpite. Il museo ospiterà anche la torcia originale della statua.
  
Diane von Fürstenberg è nata 18 mesi dopo la Seconda Guerra Mondiale; sua madre, che faceva parte della Resistenza, fu deportata ad Auschwitz: è riuscita a sopravvivere e a tornare a casa, molto indebolita, a Bruxelles, come racconta la stilista nella sua autobiografia di successo, La donna che volevo essere: famiglia, amore, bellezza e moda, pubblicata nel 2014.
 
Qualche settimana fa, l’ambasciata statunitense a Parigi ha organizzato un cocktail diplomatico in suo onore, a dimostrazione del suo status sociale particolare. Tra gli ospiti, Anna Wintour, Antoine Arnault e Christian Louboutin.

Tra gli invitati del cocktail c'erano Natalia Vodianova e Antoine Arnault

Il giorno dopo il suo discorso all'ambasciata americana a Parigi, Diane von Fürstenberg ci ha dato appuntamento per una visita della sua nuova boutique e una discussione sulla moda, la celebrità, la fortuna e il finanziamento del restauro della Statua della Libertà.
 
Diane von Fürstenberg: Sono un po’ la madrina della statua. È un’avventura che è cominciata tre o quattro anni fa. Ho anche incontrato Stephen Briganti (CEO della Statue of Liberty & Ellis Island Foundation). È divertente perché in Belgio hanno fatto un museo sulla Red Star Line, una compagnia transatlantica che gestiva il collegamento tra Anversa e l’America. E Briganti l’avevo già incontrato all’apertura di quel museo.
 
Poi ho capito che la missione che mi avevano dato era di raccogliere fondi. E non sono affatto brava a trovare fondi. Ma abbiamo avuto questa meravigliosa idea di creare un murale di fronte al museo. La struttura portante è stata realizzata dal gruppo Eiffel.
 
Lei è fin troppo modesta. DVF è nota per la sua filantropia. Con suo marito, ha donato oltre 20 milioni di dollari al progetto del parco High Line, a due passi dal suo quartier generale, nel Meatpacking District.
 
DVF: Ho anche realizzato un documentario che uscirà il 4 luglio, spero che sarà proiettato a Cannes. Si chiama Liberty: Mother of Exiles (Libertà: Madre degli esili). La Statua della Libertà appartiene a tutti. È un simbolo così bello. Pensate al numero di immigrati che sono passati sotto il suo sguardo...

L'esterno del nuovo negozio di Parigi

FNW: Perché questo evento a Parigi?
DVF: Ho aperto questo negozio e ho pensato che dovevamo festeggiare. Ho chiamato l'ambasciatore per dirgli che sarebbe stato bello annunciare l'apertura del museo.
 
FNW: La serata non sembrava troppo simile a un raduno di Repubblicani?
DVF: No. Steven Mnuchin e l’ambasciatrice hanno incontrato Christine Lagarde all’Eliseo. Sono totalmente liberale. La Statua della Libertà durerà più a lungo di Trump, ecco perché dobbiamo proteggerla.
 
FNW: Perché aprire un nuovo punto vendita a Parigi?
DVF: Sono appena tornata in questo quartiere, detestavo il vecchio negozio di rue François-1er. È come un camerino di prova. Un guardaroba.
 
FNW: Negli ultimi anni, ha cambiato più volte direttore artistico: Yvan Mispelaere, Jonathan Saunders e ora Nathan Jenden. Perché?
DVF: Conoscete Jonathan Saunders. In principio gli avevo chiesto di aiutarci con i tessuti stampati e lui ha detto: “Sapete una cosa? Potrei occuparmi di tutto il resto”. Avevo molto rispetto per lui e ho detto okay. La verità è che il suo obiettivo finale era quello di essere cool, ma Diane von Fürstenberg è un marchio che non ha nulla a che vedere con l'essere cool. Il suo obiettivo è quello di dare alle donne delle uniformi per vivere la loro vita. Le mie collezioni sono semplici e confortevoli. Oggi ho un eccellente CEO (Sandra Campos), una donna straordinaria e una Brand Manager il cui team è composto da donne formidabili. Mi sono resa conto che la cosa migliore è essere circondati da donne, e solo donne.
 
FNW: Non ha organizzato una sfilata quest'anno. Perché?
DVF: Non ho fatto niente. Mi sono accontentata di mostrare il mio lavoro in privato, quasi faccia a faccia. Con tutto ciò che sta accadendo ora con gli influencer, non si può più davvero mostrare [le collezioni] con sei mesi d’anticipo. Se lo fate, tutti hanno già copiato ciò che avete creato mentre stavate appena cominciando a distribuire le collezioni. Mentre dirigevo il CFDA mettevo in guardia i giovani stilisti: quando organizzate una sfilata, spendete tutti i vostri soldi in marketing, e se mostrate davvero qualcosa di geniale lo avranno copiato prima ancora di poter commercializzare la linea. È molto difficile determinare cosa dovrebbero diventare le Settimane della Moda. Al giorno d'oggi, tutto ciò che conta è il momento presente. Non si legge più nemmeno il giornale, perché si ricevono le notizie principali sul proprio smartphone.

L'interno dello store

FNW: In futuro, i marchi moltiplicheranno i lanci ad un ritmo sempre più sostenuto...
DVF: Che cosa significa un lancio? Basta lanciare i propri prodotti quando è il momento giusto. Si tratta semplicemente di pianificare tutto per bene. Ciò che davvero fa la differenza è avere dei negozi di proprietà. Prima di Jonathan, ho avuto qualcuno che cercava di rivolgersi al mercato di massa, seguendo l’esempio di Michael Kors, ma io non volevo.
 
Mia nipote sta iniziando sua carriera, la figlia di Alex, Talita. Studia a Georgetown, ma lei avrà una piccola collezione tutta sua in primavera. La vedrete con me sulla copertina della rivista Town and Country.
 
FNW: Secondo lei, qual è il futuro delle riviste?
DVF:La morte! Chi crea ancora una rivista? Tutto il mondo sta cambiando. Ognuno deve adattarsi.
 
FNW: Allora questo è l'ultimo anno di Anna Wintour?
DVF:Ah, quello non lo so!

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Lusso - Prêt à porter Creazione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER