×
1 843
Fashion Jobs
CHABERTON PROFESSIONALS
Sales Area Manager, Emerging Markets - Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA DI CALZATURE
Application Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
DIESEL
Europe Head of E-Commerce
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Concessions
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
District Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Area Manager Nord Italia
Tempo Indeterminato · ITALIA
FORPEN
Fisso
Tempo Indeterminato · SAONARA
THUN SPA
Analytics Junior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Analytics Senior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CONFIDENZIALE
Area Manager - Est Europa
Tempo Indeterminato · MILANO
SWAROVSKI
Allocator Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
DOPPELGANGER
Addetto Tesoreria
Tempo Indeterminato · ROMA
HUGO BOSS
Retail Operations Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
STIÙ SHOES
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operations Specialist Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NYKY SRL
E-Commerce Content Creator Specialist
Tempo Indeterminato · SILEA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Content Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
10 mag 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Dettaglianti: quali investimenti per quali tecnologie di vendita?

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
10 mag 2017

Definire il ritmo di acquisto delle calzature da parte di un cliente. Questo può essere uno dei vantaggi del "machine learning". Oggi l’82% dei retailer stima che questo apprendimento statistico per mezzo di un'intelligenza artificiale influenzerà in modo permanente il settore. E il 48% lo inserisce nella propria strategia. Tuttavia, il 56% di loro pensa comunque di investire di più nella propria forza lavoro che nella tecnologia.

Qubit


È quanto indica lo studio europeo commissionato dallo specialista nell'analisi dei dati contestuali Qubit, che lavora per Intersport, Topshop, Net-A-Porter e L'Occitane. Una raccolta di informazioni che è stata realizzata interpellando 70 dettaglianti britannici ed europei.
 
Tra questi, l’82% intende investire meno di un milione di sterline nelle nuove tecnologie. Tra i dirigenti interpellati, il 34% dichiara di disporre di una strategia analitica multicanale che definisce la raccolta dei dati e il 34% conserva i propri dati in silos, privandosi di un raggruppamento di dati. Inoltre, il 24% confessa di non avere nessuna strategia relativa ai dati dei clienti e l’8% indica addirittura che questa non è la priorità del momento.

Ma quali sono dunque le tecnologie che per il momento attirano l’attenzione dei dettaglianti? L’Internet delle cose arriva in testa (56%), davanti alle tecnologie di pagamento (48%), agli assistenti virtuali, ai “chatbots” e agli altri commerci conversazionali (42%), a pari merito con il “machine learning”. Seguono i servizi geo-dipendenti (40%) e la realtà virtuale (40%), quindi le tecnologie cross-device (38%), che permettono di tenere traccia dei dati dei clienti su diverse piattaforme, mentre la realtà aumentata arriva molto dopo.

Qubit


“Lo studio mostra che, benché numerosi commercianti riconoscano che le nuove tecnologie influenzino notevolmente l'esperienza del cliente, tali investimenti non rappresentano la priorità per adattarsi a questa nuova realtà nel settore”, precisa l’inchiesta. “Più di quattro retailer su cinque (l’82%) prevedono di spendere meno di un milione di strline per introdurre delle nuove tecnologie avanzate. Alcune delle tecnologie sperimentate d’ora in poi saranno inevitabilmente lasciate alle spalle, come i “Google Glass”. Nonostante tutto, l’approccio “wait and see” potrebbe rivelarsi pericoloso per l'ambiente di vendita del fast retail: le cose evolvono e mutano rapidamente e le aziende rischiano di restare indietro”.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.