×
1 712
Fashion Jobs
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
Pubblicato il
26 mar 2015
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Denim: il premium soffre presso i retailer inglesi e cresce negli USA

Pubblicato il
26 mar 2015

Nel 2014, per vendere dei jeans in Inghilterra, meglio realizzare una camicia tipo western color indigo intenso per l'uomo, o una skinny a vita alta, blu scura per la donna. E gli stampati e le camicie con miscele di vari tipi di denim non hanno sostanzialmente trovato acquirenti, anche dopo essere state messe in vendita scontate.

J. Brand è il marchio più presente in Inghilterra e lo skinny è il modello più acclamato - - Visuel J.Brand


Ecco alcune delle osservazioni ricavate dallo studio “2015 Denim Retail”, proposto dall'agenzia Editd, la cui specialità è l'utilizzo di dati per consigliare i marchi del retail su quali prodotti scegliere.

L'agenzia, basandosi sul proprio trattamento dei “Big Data” riguardanti l'attività dei retailer in questi due mercati, forniscono alcuni interessanti elementi di comprensione del settore.

Per esempio, l'aumento dell'importanza dei prodotti di fitness-yoga è regolarmente additato dai marchi di jeans per spiegare il rallentamento della loro attività. Lo studio di Editd dà loro ragione solo parzialmente.

Tra i grandi dettaglianti fisici e on-line, gli ingressi di leggings, jeggings e altri sweatpants sono quasi raddoppiati fra gennaio 2014 e gennaio 2015. Nello stesso tempo, gli arrivi di denim sono stati del 31% più importanti. Ma se le vendite di pantaloni per il relax sono cresciute del 114%, le vendite di jeans hanno ottenuto un +45%. Alla fine, in due anni, le curve di vendita seguono sostanzialmente le stesse tendenze.

L'indagine sottolinea che negli Stati Uniti e in Gran Bretagna esistono più di 150.000 prodotti in denim sul mercato, e che questo volume è in aumento.

Fatto sorprendente, la struttura del mercato si è evoluta in maniera totalmente differente fra la Gran Bretagna e gli Stati Uniti nell'ultimo anno. Oltremanica, gli ordini di prodotti sul mercato premium e del lusso (in media a 315 dollari per un jeans da donna) si sono contratti del 24%, mentre sono aumentati del 9% negli USA (179 dollari per un jeans in media). In compenso, in Inghilterra, fra gli attori del mass market (jeans a 57 dollari) e gli specialisti dei prezzi bassi (jeans a 26 dollari), gli inserimenti di prodotti sono cresciuti del 29% e del 58%. Negli States, questi mercati, che propongono i jeans a 69 e 30 dollari in media, sono calati del 2% e dell'8%.

Se le vendite di jeggings e di altri pantaloni per lo yoga crescono, anche quelle dei prodotti in denim mantengono comunque un buono slancio. - - Visuel Editd


Di colpo, secondo Editd, i prodotti di lusso sono quelli che si trovano maggiormente a prezzi scontati. Solamente il 45% delle vendite viene realizzato a prezzo pieno, contro il 65% nel premium e il 61% per gli attori del mass market e dei prezzi bassissimi.

Da notare che, secondo lo studio, i principali retailer che propongono del denim sono Asos su entrambi i mercati, nel segmento mass market, e Nordstrom, negli USA, e Farfetch, in Inghilterra, per la categoria lusso e premium. I marchi più citati, per gli uomini, sono Levi’s, 7 For All Mankind e Diesel negli Stati Uniti e Diesel, Levi’s e G-Star in Gran Bretagna. Sugli scaffali di prodotti femminili si trovano 7 For All Mankind negli States, seguito da J. Brand e Paige Denim, mentre nel Regno Unito il podio è occupato da J.Brand, G-Star e 7 For All Mankind.

Per le donne, il mercato del denim si compone in realtà per il 78% di jeans (gli short valgono il 6%, le gonne e i giubbotti sono il 4%) che per il 76% sono modelli skinny. Il boyfriend rappresenta il 10% dei prodotti, il jegging il 5%, il flared il 4%, il Turn Up il 3% e i tagli straight e “mom” entrambi l'1%.

Olivier Guyot (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.