×
1 786
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Head of Production
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Site Management Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising & Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
PATRIZIA PEPE
Digital Adversiting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Business Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
CONFIDENZIALE
IT Help-Desk
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
International Key Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
CRM Manager, Fashion Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
8 apr 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Della Valle (Tod's): “Tardi per polo italiano del lusso, vantaggioso essere comprati da Lvmh”

Di
Ansa
Pubblicato il
8 apr 2022

Chissà se i "grandi vantaggi" di cui hanno goduto i celebri marchi del lusso italiano acquistati da Lvmh un giorno toccheranno anche alla sua Tod's, di cui Bernard Arnault è secondo azionista (in ascesa) con il 10% del capitale. In attesa di vedere se il gruppo calzaturiero diventerà l'ennesima stella italiana nel firmamento francese del lusso, Diego Della Valle definisce ormai "fuori tempo massimo" l'idea di dare vita a un polo tutto italiano.

Diego della Valle, presidente e Ad di Tod's


"Non vedo all'orizzonte nulla che possa farci pensare il contrario, gli italiani non l'hanno fatto a suo tempo e oggi gli manca proprio il materiale per aggregare delle aziende", ha detto il patron di Tod's parlando agli studenti dello Iulm. La frammentazione è da imputare, secondo Della Valle, a una "proprietà" che ha gestito le aziende in prima persona, in una simbiosi che ha reso difficile rinunciare al controllo.

"C'è da parte di alcuni la consapevolezza di dire sono il proprietario del mio gruppo, me lo gestisco, va bene, punto e basta". A ciò si aggiunge lo scarso contributo delle banche d'affari nostrane, impegnate più a "lavorare per i soliti noti" che a stimolare il consolidamento, come fatto in Francia da "grandi istituti come Lazard".

Perso il treno della crescita, il Made in Italy è così diventato terra di conquista, anche se il risultato finale, secondo Della Valle, non è stato negativo per le 'prede'. Da consigliere di Lvmh "ho assistito a molte acquisizioni", come "Fendi, Bulgari, Loro Piana", e tutte queste aziende hanno ricevuti "grandi vantaggi" da un gruppo che ha "rispettato" e "accresciuto" il valore dei marchi, "mantenuto" le filiere produttive "in Italia", "coinvolto le famiglie" proprietarie e messo a disposizione "forza finanziaria", ha detto Della Valle, che in passato ha indicato proprio in Lvmh l'approdo naturale di Tod's, qualora la famiglia, che detiene il 65% del capitale, decidesse di vendere.

Al momento l'obiettivo è "evidenziare il valore di ogni singolo marchio" così da "far tornare il titolo dove è giusto che stia" e generare "performance di fatturato e utili molto interessanti". D'altra parte con Tod's che capitalizza 1,2 miliardi contro i 5 di qualche anno fa non è certo il momento migliore per vendere. Intanto dopo lo scoppio della guerra in Ucraina anche Tod's ha "fermato tutto" in Russia e "sarà così fino all'armistizio".

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.