×
1 571
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
MIRA GROUP SRL
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · POGGIOMARINO
CONFIDENZIALE
Responsabile Amministrativo/Contabile
Tempo Indeterminato · FIRENZE
DIAMONDS 4U SRL
Jewelry Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LYLIANE
Purchasing Manager
Tempo Indeterminato · VIGONZA
CONFIDENZIALE
Commerciale Junior Nord Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Stock Specialist Bologna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
C.P. COMPANY
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer - Accessories
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
30 gen 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

De Grisogono dichiara il fallimento

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
30 gen 2020

Il marchio ginevrino di alta gioielleria De Grisogono, che era legato alla famiglia dell'ex presidente angolano José Eduardo dos Santos (che è stato presidente dell'Angola per ben 38 anni, dal 1979 al 2017, circondato da crescenti accuse di dittatura e corruzione, ndr.), ha dichiarato fallimento pochi giorni dopo lo scoppio del caso dei "Luanda Leaks" sulla presunta origine fraudolenta della fortuna di sua figlia Isabel, secondo le informazioni pubblicate mercoledì dall'agenzia Bloomberg.

De Grisogono


In un comunicato citato da Bloomberg, De Grisogono ha indicato di non aver trovato un acquirente nonostante mesi di trattative. “Senza il sostegno finanziario degli attuali azionisti, e senza un compratore, ora la solvibilità dell'azienda è messa in discussione, il che rende impossibile il proseguimento dell'attività”, ha dichiarato De Grisogono nel comunicato.
 
Questa decisione avrà effetto sul futuro di 65 dipendenti in Svizzera, secondo Bloomberg.

Una trentina di testate mediatiche facenti parte del Consorzio Internazionale dei Giornalisti Investigativi (ICIJ), tra i quali figurano la BBC, il New York TimesLe Monde L’Espresso, hanno pubblicato il 19 gennaio scorso un’inchiesta nella quale si sostiene che la figlia dell'ex presidente angolano, dalla fortuna (ufficiale) stimata in 2,1 miliardi di dollari (1,8 miliardi di euro), avrebbe accumulato fraudolentemente un patrimonio molto maggiore, che sarebbe stato occultato in decine di società off-shore.
 
Dalla pubblicazione dei "Luanda Leaks", la Procura della Repubblica dell’Angola ha formalizzato le accuse a Isabel dos Santos e a molti dei suoi associati portoghesi. La 46enne angolana, ha da parte sua respinto quelle che ha definito “accuse infondate” e “affermazioni false”. 
 
In Svizzera, il giornale La Tribune de Genève, la cui casa editrice Tamedia è membro dell’ICIJ, ha rivelato come il marito di Isabel dos Santos, Sindika Dokolo, “abbia preso il controllo di De Grisogono nel 2012, grazie ai fondi della società pubblica Sodiam”.
 
“L'inchiesta giornalistica mostra che le più importanti aziende di Isabel e del marito, che oltre a De Grisogono comprendono la compagnia telefonica Unitel, hanno beneficiato di continui flussi di denaro pubblico e di ricchissime licenze statali firmate dal papà presidente”, si legge su L’Espresso. “Il nuovo capo dello Stato, Joao Laurenco, in carica dalla fine del 2017, ha creato un'agenzia anti-corruzione che il 23 dicembre 2019 ha ottenuto un maxi-sequestro giudiziario dei beni di Isabel e del marito, accusati di aver sottratto oltre un miliardo di dollari alle casse pubbliche”.
 
A fine 2017, la Società pubblica angolana per la commercializzazione dei diamanti (la Sodiam, appunto) aveva annunciato il suo ritiro dalla capitale del gioielliere svizzero De Grisogono, le cui vendite nell’ultimo biennio sono costantemente calate. Secondo il quotidiano ginevrino, Sodiam “ha sperperato oltre 140 milioni di dollari per comprare De Grisogono e renderlo un gigante della gioielleria e del lusso”.

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.