De Rigo compie 40 anni con il fatturato a 430 milioni e creando la Fondazione HEART

Fondata nel 1978 dai fratelli Ennio e Walter, la piccola realtà artigianale contoterzista di Longarone (BL) Charme Lunettes è diventata nell'arco di quattro decadi il gruppo De Rigo Vision, azienda che ha portato il Made in Italy nel mondo, sviluppando un modello di business globale leader del settore dell’eyewear. Il tutto condito da dati economici odierni che si dimostrano piuttosto convincenti.

La famiglia De Rigo. Da sinistra: Ennio, Emiliana, Massimo, Barbara

Infatti, il 2017 si è chiuso ancora una volta positivamente per il gruppo De Rigo: in crescita del 5,5% a cambi costanti e con un fatturato consolidato pari a 429,5 milioni di euro (furono 413,6 milioni di euro un anno fa, ndr.). La fluttuazione dei cambi ha inciso per un –1,7% sul consolidato.

Il fatturato della divisione Wholesale è aumentato dell’8,1% a cambi costanti, raggiungendo i 254,1 milioni di euro, avendo soprattutto beneficiato del pieno consolidamento dell’acquisizione nel 2016 del distributore Rem Eyewear negli USA, a Los Angeles. “Gli Stati Uniti sono proprio la nazione nella quale abbiamo performato meglio nel 2017 (+30% di giro d’affari), soprattutto grazie a questo assorbimento, che ci ha portato ad integrare tutti i nostri brand all’interno del portfolio americano”, continua Barbara De Rigo.
 
Il fatturato della divisione Retail si è assestato a 189,5 milioni di euro, in linea con l’anno precedente, registrando comunque una crescita del 2% a cambi costanti.
 
E tutto questo, “nonostante le vicissitudini economiche e politiche che hanno colpito alcuni mercati per noi strategici, come l’instabilità in Corea del Sud (per fortuna rientrata nel corso delle Olimpiadi invernali grazie alla recente distensione) in Middle East, con il crollo del turismo a seguito dei problemi legati alla crisi in Qatar, nonché coi problemi politico-governativi della Turchia, per non parlare della questione catalana nel mercato spagnolo, anche in questo caso uno sbocco per noi importantissimo”, dice a FashionNetwork.com Barbara De Rigo, direttore marketing e comunicazione degli house brands (Police, Lozza e Sting) per la parte wholesale del gruppo De Rigo Vision, seconda generazione (insieme al fratello Massimo) dell’azienda guidata da Ennio ed Emiliana De Rigo, e il cui marito Maurizio Dessolis è vicepresidente esecutivo.

Un occhiale Lozza - De Rigo Vision

L’Europa è cresciuta del 1,2% grazie al mercato iberico e alla Germania. In calo dell’11% l’area medio-orientale, mentre il mercato asiatico ha segnato un calo dell’12%, in particolare Sud Corea e Giappone, anche a causa della diminuzione dei flussi turistici nei due Paesi dovuto appunto alla tensione geopolitica tra Corea del Nord e Stati Uniti. La De Rigo sottolinea che: “Le acquisizioni che abbiamo fatto nel 2016 e che abbiamo provveduto a consolidare nel 2017 quest’anno dovrebbero darci le soddisfazioni attese”.

A proposito della Spagna, ad esempio, si è osservato un aumento delle vendite (nonostante il clima politico sfavorevole) realizzate dalla catena controllata General Optica, che ha continuato il suo piano di espansione con 6 nuove aperture nel corso dell’anno ed è così riuscita a compensare il calo della catena turca Opmar Optik che continua a risentire, come accennato in precedenza, della situazione economico-politico locale molto instabile ed in particolare del crollo della Lira turca.

“Grosse soddisfazioni ce le sta dando anche il Brasile, mercato in crescita, in cui abbiamo realizzato un profondo cambio del management”, continua la De Rigo. “Ora continueremo a guardare con attenzione soprattutto i Paesi dell’Estremo Oriente e in generale a tutti i mercati maturi che sono più stabili geopoliticamente (Europa, Nord America e Sud America)”.
 
Per i suoi 40 anni l’azienda veneta ha concretizzato due iniziative. Il primo è la creazione della Fondazione De Rigo HEART (Health, Education & Art for Youth). Un progetto a sostegno di programmi di crescita della persona, sviluppo intellettuale e promozione dell’arte intesa come creatività e autoespressione rivolto a bambini e ragazzi.

Barbara De Rigo allo stand del MIDO con l'occhiale celebrativo dei 140 anni del brand Lozza - G.B. - FashionNetwork.com

Il secondo è una linea in edizione limitata di occhiali con montature in oro massiccio e altri materiali pregiatissimi per Chopard, alla quale si sono dimostrati molto interessati i clienti più facoltosi di Russia e Medio ed Estremo Oriente.
 
Sempre guidata dall'AD Michele Aracri, De Rigo opera in oltre 80 Paesi, ha 16 filiali locali e 3.000 dipendenti, circa 1.000 dei quali proprio a Longarone, in pieno distretto bellunese dell’eyewear. Sempre in Italia ha sede il team creativo. Chopard, Givenchy, John Varvatos, Trussardi, Carolina Herrera, Nina Ricci, Lanvin, Tous, Blumarine, Fila, Furla, Escada sono solo alcune delle aziende per le quali la società crea occhiali.
 
Nel 2018 sono stati rinnovati tutti i brand in portfolio con licenze a lungo termine, in più è stata avviata la distribuzione esclusiva anche in Europa, Middle East e Africa delle collezioni di occhialeria di Converse, marchio “acquisito attraverso la filiale statunitense e che stiamo adesso vendendo partendo con una collezione realizzata ad hoc per il mercato europeo e mediorientale”, conclude Barbara De Rigo.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

OcchialiBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER