×
1 787
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Concessions
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
District Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Area Manager Nord Italia
Tempo Indeterminato · ITALIA
FORPEN
Fisso
Tempo Indeterminato · SAONARA
THUN SPA
Analytics Junior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Analytics Senior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CONFIDENZIALE
Area Manager - Est Europa
Tempo Indeterminato · MILANO
SWAROVSKI
Allocator Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
DOPPELGANGER
Addetto Tesoreria
Tempo Indeterminato · ROMA
HUGO BOSS
Retail Operations Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
STIÙ SHOES
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operations Specialist Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NYKY SRL
E-Commerce Content Creator Specialist
Tempo Indeterminato · SILEA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Content Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
Back Office Ufficio Vendite Categoria Protetta lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
CRM Specialist Sales Assistant _ Luxury Brand
Tempo Indeterminato · ROMA
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Showroom Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Pubblicato il
30 apr 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Davines cresce del 32% nel Q1 e apre filiali a Shanghai e Düsseldorf

Pubblicato il
30 apr 2022

Lo specialista dei prodotti per la cosmetica professionale Davines Group sembra non subire i colpi delle crisi internazionali, tra pandemie e guerre. Con tassi di crescita a doppia cifra negli ultimi 11 anni, il gruppo basato a Parma ha infatti chiuso il 2021 a 192 milioni di euro, in salita del 26%, e ha registrato nel primo trimestre di quest’anno un’ulteriore progressione del 32%, a 58 milioni di euro.

Davide Bollati, Presidente di Davines Group

 
“A mio avviso, aver portato avanti ormai da 20 anni una precisa strategia sostenibile ci ha aiutato a non subire grossi contraccolpi dai vari accadimenti: il mondo sta cambiando sempre più velocemente, ma noi stiamo facendo di tutto per non cambiare e mantenerci sulla nostra rotta”, ha spiegato a FashionNetwork.com Davide Bollati, Presidente di Davines Group, incontrato in occasione di Cosmoprof. “Lo scorso anno abbiamo cambiato, dopo 17 anni, il nostro Amministratore Delegato e abbiamo internazionalizzato il top management, ma per il resto intendiamo mantenere saldi e anzi rafforzare i nostri valori e la nostro cultura”.
 
E coerentemente con tali valori e con lo status di azienda B Corp, Davines ha in programma per il prossimo futuro numerosi progetti sostenibili, primo fra tutti la creazione di un centro di agricoltura organica rigenerativa per le materie prime utilizzate dal gruppo, che vedrà la luce proprio di fronte al Davines Group Village, la splendida sede della società a Parma, sviluppata su 77mila mq, che già ospita un giardino scientifico e sette laboratori, dove lavorano 50 i professionisti del team di Ricerca&Sviluppo. 

Il giardino sceintifico di Davines

 
Il Davines Group - Rodale Institute European Regenerative Organic Center, che si svilupperà su una superficie di 150mila metri quadrati, rappresenterà il primo avamposto europeo di Rodale Institute, realtà con sede in Pennsylvania (USA) che sin dagli anni Ottanta ha introdotto il termine “rigenerativo biologico” per definire un tipo di agricoltura che va oltre il concetto di sostenibilità. “Molti non sanno che l’agricoltura è un settore significativamente inquinante, per via dell’utilizzo di fertilizzanti, diserbanti, antiparassitari, ecc. L’agricoltura rigenerativa ha invece un impatto positivo in termini di CO2”, precisa Davide Bollati.

Davines ha inoltre confermato e ampliato a inizio 2022 la collaborazione con l'impresa sociale Plastic Bank, dopo il successo della precedente campagna globale “Rethinking Plastic” che, nel 2021, ha visto la raccolta di 100 tonnellate di plastica dalle zone costiere di Brasile, Filippine e Indonesia. L’obiettivo dell’azienda per il 2022 è di raccogliere e rimuovere dall’ambiente l’equivalente della quantità di plastica derivante dalle vendite dei suoi due brand, Davines (haircare) e [comfort zone] (skincare), raggiungendo quindi la neutralizzazione delle proprie emissioni di plastica e ottenendo da Plastic Bank la certificazione Plastic Neutral.

La sede di Davines a Parma

 
Per quanto riguarda l’espansione estera, Davines, che già dispone di filiali dirette a New York, Londra, Parigi, Città del Messico, Deventer (Olanda) e Hong Kong, ha recentemente inaugurato una nuova sede a Shanghai e aprirà i propri uffici in Germania, a Düsseldorf, il 1° gennaio 2023, anno in cui l’azienda festeggerà i 40 anni di attività.
 
“I nostri mercati principali sono USA e Italia, che insieme realizzano il 50% del giro d’affari; l'altro 50% è generato soprattutto in Canada, Francia, Germania, Inghilterra e Giappone”, conclude Bollati. “La distribuzione avviene per il 20% sul territorio nazionale e per l’80% all’estero. Siamo presenti in circa 45.000 saloni e 5.000 tra centri estetici e spa, incluse alcune tra le location più prestigiose, in particolare con [comfort zone], che oggi rappresenta il 20% del fatturato ma sta crescendo a ritmi più elevati rispetto a Davines. Alcuni dati attestano che a livello di skincare professionale [comfort zone] è il primo marchio a livello italiano, mentre Davines è il terzo per quanto riguarda l’haircare”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.