×
1 454
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Daniele Ancarani: fatturato +68% e progetti esteri

Pubblicato il
today 15 ott 2018
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il designer bolognese di calzature femminili d’alta gamma ha festeggiato il mese scorso tre traguardi importanti della sua vita: i 40 anni di attività nel settore calzaturiero, gli 80 Micam a cui ha partecipato consecutivamente dal 1978 e il suo sessantesimo compleanno.

Daniele Ancarani, collezione autunno-inverno 2018/19


L’azienda nasce nel 2001. Prima, Ancarani faceva consulenza di design o produzione per vari marchi di scarpe: Buccheri, Bruno Magli, Di Sandro, Beltrami o Sigerson Morrison, in particolare. “Aprii il mio primo negozio a Bologna in Via Porta Nova l’8 settembre 2001”, ricorda Ancarani. “Ora, sempre a Bologna, ne abbiamo uno in Via San Vitale e un altro in Via Rizzoli, più un negozio outlet vicino al mercato della Piazzola”.
 
Daniele Ancarani possiede anche un punto vendita a Rimini (il suo più grande, di 55 mq.), uno a Catania, due a Roma e l’ultimo, aperto il 1° settembre scorso, a Torino, in Via XX Settembre. Allo studio c’è l’apertura di uno store in franchising a Milano nel 2019, che seguirà l’unico altro franchising Daniele Ancarani a Perugia. All’interno dei due negozi multibrand Ancarani (Bologna San Vitale e Catania) sono venduti anche marchi di altre aziende, come Pura Lopez o Harsh.

E l’estero? Alcuni anni fa, Daniele Ancarani gestiva una boutique a Parigi in rue du Marché Saint-Honoré, condivisa con Philippe Model, chiusa a causa del notevole incremento degli affitti annui. Ora, il designer bolognese sta studiando l’apertura di un nuovo store a Parigi per il 2019.

Daniele Ancarani - Elena Passeri - FashionNetwork.com


Il fatturato 2017 del brand è stato di oltre 1,65 milioni di euro, cresciuto del 68,2% sul 2016 (una crescita che continua ininterrotta dal 2014). Sono in corso rapporti per incrementare la diffusione in Cina, dove Daniele Ancarani ha visto aumentare le vendite del 25% nelle ultime stagioni; ma sono cresciute molto bene anche l’Inghilterra (+15%) e il Giappone (+10%) lo scorso anno. “Molto promettente anche la crescita in Australia, nostro quinto mercato, dopo l’Italia e i suddetti”, dice Ancarani. “Italia che pesa per il 60% sul nostro giro d’affari, ma devo ammettere che vogliamo puntare sempre più sull’estero. Vendiamo anche in Sudafrica, perché facciamo scarpe femminili fino al numero 43 di piede”.
 
Le calzature di Daniele Ancarani sono realizzate tra Italia e Spagna e si vendono mediamente tra i 170 e i 200 euro, in Italia presso circa 120 clienti multibrand.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.