×
1 851
Fashion Jobs
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Showroom Manager Arredamento Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Sales Area Manager, Emerging Markets - Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA DI CALZATURE
Application Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
DIESEL
Europe Head of E-Commerce
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Concessions
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
District Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Area Manager Nord Italia
Tempo Indeterminato · ITALIA
FORPEN
Fisso
Tempo Indeterminato · SAONARA
THUN SPA
Analytics Junior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Analytics Senior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CONFIDENZIALE
Area Manager - Est Europa
Tempo Indeterminato · MILANO
SWAROVSKI
Allocator Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
22 mag 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Dai mercati a Fed-Bce, è incubo stagflazione

Di
Ansa
Pubblicato il
22 mag 2022

L'incubo della stagflazione prende sempre più i contorni della realtà, e manda in allarme tanto i mercati quanto i 'policy maker' - dal G7 alla Bce alle riunioni di Davos - che si ritrovano sul tavolo un dossier colmo di riferimenti agli anni Settanta, alla crisi petrolifera, agli errori di allora che sfociarono nell'alta disoccupazione, nell'inflazione a due cifre e infine nell'austerity. Allora fu il tandem delle svalutazioni di Nixon con la crisi petrolifera a causare la combinazione maledetta di crescita stagnante, alta inflazione e disoccupazione. Oggi sono i 'cigni neri' della guerra di Putin, dei prezzi stellari di materie prime ed energia, della pandemia che colpisce il commercio internazionale con la Cina che prosegue nei lockdown e rallenta vistosamente.

Ansa


Le conseguenze - come ha ammesso il presidente della Fed, Jay Powell - potrebbero fare male. È Mohamed el-Erian, ex capo del colosso dei bond Pimco ora a Gramercy Fund Management, a suonare la campana. La recessione "non è inevitabile, ma purtroppo le probabilità stanno salendo. Quello che è inevitabile è una stagflazione".

Gli investitori prendono nota: nuova correzione delle Borse, dal Dow Jones che perde quasi un punto (-18% da inizio anno) al Nasdaq che tiene ma ha cancellato un quarto del suo valore da gennaio. Dalla chiusura piatta di Milano con Parigi e Francoforte giù di circa l'1%, al Nikkei a -1,89% fino al -2,54% di Hong Kong. E poi i bond: lo spread italiano continua a oscillare non lontano da 200 punti (195), ma tradisce un rally che coinvolge il Bund tedesco e i Treasury americani e non porta buone notizie: ora si torna a comprare obbligazioni per proteggersi dal rischio crescente di una recessione americana.

Corrono ai ripari anche le autorità mondiali, dopo i ritardi mascherati dall'inflazione giudicata "temporanea" e con quasi tutte le istituzioni che neanche vogliono pronunciare la parola stagflazione. Per ora anche l'Fmi sta alla larga, anche se avverte l'Italia - dopo la consueta missione 'Article IV' - di "formidabili nuove sfide economiche" da fronteggiare con riforme, meno debito e senza ritardi sul Pnrr. La pronuncia invece il ministro delle Finanze tedesco Christian Lindner, bisogna muoversi rapidamente e coordinati a livello del G7 contro l'inflazione per "evitare la stagflazione". 

L'incubo di ogni banchiere centrale, messo di fronte a un rebus: combattere l'inflazione richiede di alzare i tassi, ma così si rischia di peggiorare una crescita già a rischio. L'orientamento della Fed, e sempre più della Bce, sembra essere quello di dare priorità all'inflazione e non ripetere l'errore degli anni Settanta, quando la politica monetaria troppo espansiva esacerbò a tal punto l'inflazione da creare le premesse per la Reaganomics e il 'Thatcherismo'. E così la Fed ci va giù duro, con rialzi dei tassi da mezzo punto per volta finché la 'bestia' dei prezzi non sarà domata. La Bce, più prudente vista l'economia più esposta allo shock dell'Ucraina, vede rischi "limitati" di recessione. Ma già nel Consiglio direttivo di aprile alcuni consiglieri 'falchi' notavano l'errore di aver sottovalutato l'inflazione nell'ultimo anno, e di una politica monetaria "incoerente" con l'andamento dei prezzi. I verbali di quella riunione prevedono inflazione "molto alta" nei prossimi mesi e "rischi crescenti", rafforzando le premesse per un primo rialzo dei tassi a luglio da 25 centesimi.

Dal G7 il commissario Ue Paolo Gentiloni invita a "rendere più mirati e selettivi i sostegni". Già, perché il dilemma riguarda anche le scelte di bilancio: troppo espansive creano inflazione. Troppo restrittive, colpiscono i deboli il cui potere d'acquisto è falcidiato da inflazione e disoccupazione. Se va bene col consumare meno peggiorando i bilanci delle aziende. Se va male, ad ingrossare le fila dei senza tetto, emergenza in molte città americane già durante la pandemia.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Industry