×
1 174
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
12 feb 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Da One Ocean Foundation la guida per una moda sostenibile

Di
Ansa
Pubblicato il
12 feb 2021

Genera un fatturato annuo globale di oltre 2,5 trilioni di dollari, impiega più di 300 milioni di persone nel mondo ed è una delle più inquinanti industrie manifatturiere: la moda. Come renderla più sostenibile? One Ocean Foundation, iniziativa italiana per la salvaguardia dell'oceano, cerca di rispondere con le 7 linee guida di Business for Ocean Sustainability - The Fashion Industry, un'indagine realizzata in collaborazione con SDA Bocconi Sustainability Lab e il patrocinio della Camera della Moda.

One Ocean Foundation


Secondo un'analisi di Oof, i solventi e i coloranti impiegati nel lavaggio e nella produzione dei capi causano circa il 20-25% dell'inquinamento delle acque industriali, il 35% delle microplastiche nell'oceano proviene da tessuti sintetici e sono all'incirca 1.400 trilioni le microfibre che inondano i nostri mari. Responsabile dal 4% al 10% delle emissioni globali di CO2 - di cui il 30% viene assorbito dagli oceani - l'industria della moda supera l'impronta di carbonio dei voli internazionali e del trasporto marittimo. E, negli anni a venire, si prevede un incremento di oltre il 63% del consumo di abbigliamento: da 62 milioni di tonnellate nel 2019 fino a 102 milioni di tonnellate nel 2030.

Lo studio di Oof, condotto attraverso un'analisi dei report di sostenibilità di 28 aziende del fashion, suggerisce di abbandonare la convinzione che l'impatto del settore sia circoscritto alla sola fase produttiva e considerare invece tutte le fasi della value chain, dalle materie prime allo smaltimento.

Ad attraversare queste fasi, 7 linee guida: fare ricorso a una pianificazione strategica e definire obiettivi concreti; adottare pratiche sostenibili in fase di produzione delle materie prime; ripensare gli imballaggi; migliorare la filiera logistica; sensibilizzare i clienti a comportamenti di consumo sostenibili; svolgere ricerca e sviluppo in ogni fase della value chain; garantire trasparenza e tracciabilità, adottare certificazioni per rafforzare il proprio impegno.

Best practice che alcuni brand hanno già iniziato ad adottare. Tra i casi più virtuosi Patagonia con materiali come NetPlus, ricavato dalle reti di pesca dismesse; Asos con la collezione ispirata ai principi dell'economia circolare e Benetton con la guida che spiega come far durare più a lungo i propri capi.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.