×
1 080
Fashion Jobs
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Impiegato/a Back Office Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
FOURCORNERS
Brand Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Events Project Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
Di
Ansa
Pubblicato il
12 feb 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Coterie: oltre 60 marchi italiani alla fiera di abbigliamento di New York

Di
Ansa
Pubblicato il
12 feb 2020

Oltre la Fashion Week: mentre cala il sipario su una settimana della moda di New York costellata di diserzioni, un'altra faccia dell'industria del glamour si presenta al pubblico americano. Coterie, la grande fiera newyorchese dell'abbigliamento donna, ha preso il via al Javits Center con una nutrita presenza italiana. Oltre 60 aziende portate dall'ICE di New York e una decina arrivate indipendentemente espongono alla grande manifestazione arrivata alla quarta edizione.

Foto: Coterie

"Sono rappresentati tutti i settori dell'Italian Style, dall'abbigliamento agli accessori, dalla bigiotteria alle calzature", ha detto il direttore dell'agenzia italiana per la promozione all'estero delle aziende italiane, Antonino Laspina, con l'obiettivo di far conoscere la mercato americano le peculiarità dei prodotti italiani: "Dalla qualità dei filati al controllo sulla filiera di produzione dalla matita dello stilista all'etichetta, e un gamma di prezzi che si collocano al di sotto dei grandi brand pur garantendo un simile livello di prodotto".

Oltre un migliaio di marchi partecipano a Coterie, un evento semestrale nato per presentare agli Stati Uniti il meglio della moda globale: "Abbiamo in Italia aziende che ancora mantengono un approccio artigianale", spiega Laspina: "Sono attente a non espandersi oltremisura perché altrimenti non avrebbero abbastanza personale per controllare la qualità anche in termini di sostenibilità ambientale. Cerchiamo di spiegare alle aziende italiane che, dall'esterno, il sistema americano sembra difficile da penetrare, ma non è impossibile".

Allo stesso tempo, il mercato americano deve essere informato della peculiarità del sistema italiano. "Molti qui pensano che in Europa, come negli USA, la produzione si sia tutta spostata in altre parti del mondo. I grossi nomi negli USA sono quasi sempre 'made in China'. La nostra idea è che ci siano dinamiche sul mercato americano che possono riaprire opportunità per prodotti italiani e prodotti fatti in Italia".

La partecipazione a Coterie rientra in un progetto da quasi 28 milioni di euro di cui quasi 8 milioni dedicati alla moda lanciato quest'anno dall'Ice per favorire i contatti con il mercato americano di piccole e medie imprese del Made in Italy. "L'obiettivo è di identificare 'un brand nazionale Italia', all'insegna del concetto della "affordable luxury", il lusso che ci si può permettere. Il primo focus è sulla moda e il tessile, un settore che per l'Italia è al terzo posto dopo le industrie meccaniche e automobilistiche con quasi 46 mila aziende e oltre 369 mila dipendenti. Dei quasi 8 milioni per la moda, una fetta è destinata a promuovere la partecipazione di aziende italiane alle maggiori fiere di settore in nord America tra cui lo scorso gennaio a New York, quella per l'abbigliamento maschile Project, con cui l'Italia collabora dal 2009.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.