×
1 520
Fashion Jobs
CAMICISSIMA
Magento Specialist 2.4
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Real Estate Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci- Corporate Image Department Director
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager East Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Tecnico Qualità
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Europe Man Rtw Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FACTORY SRL
Responsabile di Linea Maglieria
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
AZIENDA LEADER NEL SETTORE LUXURY GOODS
Global Retail CRM Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MANDARINA DUCK
Ecommerce Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Espansionista Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Manovia Montaggio
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CMP CONSULTING
E-Commerce e Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · SAN GIOVANNI LA PUNTA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Moda
Tempo Indeterminato · PADOVA
RETAIL SEARCH SRL
Back Office Commerciale - Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Control Project Lead & Analyst
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
Di
AFP-Relaxnews
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
15 mag 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Cosmetica: un mondo sempre più connesso, prevede il nuovo patron di L'Oréal

Di
AFP-Relaxnews
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
15 mag 2021

Il nuovo CEO di L'Oréal Nicolas Hieronimus, in carica dall’inizio di maggio, anticipa un universo della cosmetica sempre più connesso, prevedendo però che i negozi fisici continueranno ad avere la loro importanza.


Nicolas Hieronimus


In un’intervista con l’agenzia di stampa francese AFP, il manager descrive “un ecosistema in cui il consumatore passerà da una cosa all’altra” e in cui l’e-commerce e gli acquisti fisici non solo coesisteranno, ma si rinforzeranno a vicenda.
 
L’e-commerce ha consentito al colosso della cosmetica, che detiene tra gli altri i brand Lancôme e Giorgio Armani, di conservarsi durante la pandemia: lo scorso anno, il suo giro d’affari è sceso di circa il 6%, una flessione limitata rispetto all’impatto della crisi sanitaria.

Le vendite online rappresentano già il 28% del fatturato totale e dovrebbero raggiungere il 50%, anticipa il CEO, sottolineando che è già così in Cina. In questo contesto, il negozio “deve reinventarsi per offrire delle esperienze al consumatore”, che avrà sempre bisogno di provare i nuovi prodotti in boutique, ritiene il manager.
 
Nicolas Hieronimus, 57 anni, è arrivato alla guida del primo gruppo cosmetico del mondo in un momento in cui molti Paesi non sono ancora usciti dalla pandemia. La società è tornata in positivo nel primo trimestre di quest’anno, con vendite in salita del 5%. Una situazione simile a quella di altri pesi massimi della bellezza e del lusso, come LVMH e Hermès, che all’inizio dell’anno hanno superato i loro livelli di prima della pandemia.
 
“Non è finita, ma vediamo la luce in fondo al tunnel”, afferma, basandosi sull’esempio dell’Australia, della Cina o degli Stati Uniti. In questi Paesi, “le categorie di prodotto più legate alle interazioni sociali, come il make up e il profumo, sono ripartite alla grande, per cui siamo molto fiduciosi”.
 
Ma la crisi sanitaria ha cambiato il modo di lavorare: nel gruppo, i dipendenti possono scegliere lo smart working per due giorni la settimana e si viaggerà di meno, precisa Hieronimus.
 
Inoltre, nel mondo della bellezza, “le preoccupazioni legate alla salute e alla sicurezza dei prodotti, che già esistevano, si sono accentuate”, prosegue. “La triangolazione vincente è un prodotto performante, con caratteristiche di sicurezza e sostenibilità”.
 
Sulla scia del suo predecessore Jean-Paul Agon, il nuovo CEO punta molto anche sulla "beauty tech", ossia l’utilizzo delle nuove tecnologie nella cosmetica. L’offerta è ampia: dalle App che danno consigli, fino all’ultima arrivata, una macchinetta ricaricabile che permette di produrre un rossetto personalizzato a casa propria, che sarà lanciata a breve negli Stati Uniti da Yves Saint Laurent.
 
Abbastanza da permettere al gigante francese di mantenersi al primo posto al mondo? Per fare ciò, il manager continuerà a focalizzarsi sull'Asia, ancora "relativamente all'inizio" della crescita, vista la spesa ancora minima per i prodotti di bellezza da parte dei clienti e l'emergere delle classi medie.
 
Gli Stati Uniti, nonostante siano un mercato maturo e meno dinamico, “continueranno ad essere il motore della crescita”, ritiene Hieronimus. Anche in Europa, dove il gruppo “ha quasi il 20% delle quote di mercato” per i cosmetici, una progressione è ancora possibile.
 
Su scala mondiale, “abbiamo il 13% delle quote di mercato", aggiunge il CEO. "Resta ancora l’87% e l’Oréal non rimarrà ferma”.

Copyright © 2021 AFP-Relaxnews. All rights reserved.