×
1 541
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Cosmetica: per il porta a porta è boom, vince la relazione sociale

Di
Ansa
Pubblicato il
today 11 nov 2015
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Venditori a domicilio e consumatori: il trend sempre in crescita delle vendite dirette non smette di stupire in tempi di commerce 2.0 e di sicurezza in casa tema forte di ogni politica locale.


Secondo i dati Univendita diffusi sui primi nove mesi dell'anno è tornata la fiducia pre-crisi economica: si assiste ad un grande incremento, 1 miliardo e 148 milioni di euro, +7,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il valore delle relazioni instaurate nel tempo tra venditori a domicilio e consumatori sembra essere la chiave di questo successo per niente scalfito dall'e-commerce.

Il comparto più dinamico per il 2015 è stato quello dei "beni durevoli casa" che, con un incremento dell'11,1% e una quota di mercato del 60%, si conferma come il più importante della vendita a domicilio, seguito da "alimentari e beni di consumo casa" in crescita del 7,8%. Ma anche il beauty è un gran motore del settore.

Il canale delle vendite dirette, considerato apparentemente maturo, in realtà con i suoi 540 milioni di euro di vendite e una crescita di quasi 3 punti percentuali nel 2014, si attesta come la nuova forza distributiva di cosmetici negli anni a cavallo della crisi.

Il canale è in piena tenuta, investe e crea lavoro in Italia, con un'occupazione femminile vicina all'85%. In linea peraltro con altre situazioni internazionali (Germania, Francia, Gran Bretagna, Italia e Polonia). Nel nostro paese la cosmetica rappresenta oltre il 30% sul totale vendite dirette in Italia, come è emerso da un incontro di Cosmetica Italia in collaborazione con Avedisco e Univendita, le associazioni di rappresentanza delle aziende specializzate nel canale della vendita diretta a domicilio.

Le aziende del beauty che operano in Italia sono circa 50, molto spesso però filiali italiane di aziende straniere (come la Avon Cosmetics, la Just, la Witt, LR Health & Beauty per citarne alcuni) : il coinvolgimento emotivo, la fidelizzazione, il passaparola e la credibilità oltre al valore della relazione sembrano essere i punti di forza. I famosi 'party' ossia gli incontri di presentazione sono un'occasione di socialità per una clientela trasversale dal punto di vista socio-economico e nel Sud sembrano essere buoni sostituti rispetto ad altri canali distributivi, così come gli appuntamenti face-to-face. I prodotti per il viso (dati centro studi Cosmetica Italia ottobre 2015) con il 29% sono i più richiesti, seguiti da quelli per il corpo (15%).

Copyright © 2019 ANSA. All rights reserved.