Cosa pensano i marchi degli outlet europei?

Chiedendo il parere di 80 gruppi e 120 marchi sugli oltre 150 outlet che compongono la mappa europea dei negozi in cui si smaltiscono le scorte rimaste in magazzino, un’indagine di Ecostra/Magdus mostra altrettanto bene sia l’innegabile interesse degli affittuari che il loro sguardo perentorio sui locatori.

Ecostra/Magdus

Alla fine, ne scaturisce una classifica in cima alla quale troneggia il centro olandese McArthurGlen Roermond. Seguono il francese La Vallée Village e il britannico Bicester Village, entrambi gestiti da Value Retail. In Italia la classifica degli outlet è dominata dal McArthurGlen Noventa di Piave (McArthurGlen, 6° assoluto), dal Vicolungo The Style Outlets (Neinver, 15° totale) e dal McArthurGlen La Reggia Marcianise (McArthurGlen, 17° complessivo in classifica).
 
Dallo studio emerge inoltre che i marchi intendono aprire in media 2,7 negozi per lo smaltimento di scorte rimaste nel 2018, con quattro intervistati che citano addirittura la prospettiva di realizzare dieci aperture negli outlet. La Germania resta il primo target dei marchi, che per il 57% intendono installarsi in un outlet tedesco, davanti alla Francia (37%) e al Regno Unito (23%).
 
Qual è il marchio che le insegne preferiscono avere come vicino in un outlet? A questa domanda il 34,5% ha risposto Polo Ralph Lauren, che supera Nike (24,1%) e Tommy Hilfiger (17,2%). Ad Ecostra e Magdus risulta particolarmente evidente che i marchi intendono essere collocati soprattutto accanto a brand che operano nei mercati dello sport, delle calzature o dell’abbigliamento maschile.

Qual è l'interesse dei marchi per un negozio outlet nel 2015, 2016 e 2017? - Ecostra/Magdus

Il rapporto menziona anche gli inconvenienti causati ai modelli dalle produzioni appositamente destinate al destoccaggio, argomento recentemente menzionato da diversi media europei. In occasione di una ricerca condotta dall’Outlet Centre Performance Report Europe (OCPRE), il 57,3% delle marche ha precisato di non aver fatto ricorso a questa pratica. Però il 23,2% ha dichiarato senza mezzi termini di avere delle produzioni speciali per il destoccaggio delle scorte, mentre il 19,5% di esse ha rifiutato di rispondere alla domanda.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Distribuzione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER