Cos: una danza al suono dei vestiti al Pitti Uomo

Cos ha presentato uno show raffinato e modernista mercoledì mattina a Firenze, incentrato sul suono derivante dal movimento dei capi. Un evento in cui l’intera collezione era indossata dalla compagnia di danzatori Wayne McGregor.

Photo: Cos

Cos, l'etichetta minimalista rivolta ai professionisti creativi di proprietà di H&M, ha debuttato al Pitti Uomo 94, l'ultima edizione della settimana della moda maschile più elegantemente organizzata al mondo.
 
“Volevamo lavorare sull’idea di movimento, e la persona migliore per mettere in evidenza questo concetto è un coreografo, così ci è venuto in mente Wayne”, ha spiegato il designer dell’abbigliamento maschile di Cos, Christophe Copin, che ha ricordato “Tree of Codes”, “l’incredibile” incontro avvenuto nel 2016 della compagnia di danza di McGregor con il Balletto dell'Opera di Parigi nel Palais Garnier.
 
Per il Pitti, Cos si è presentato all'interno dei rarefatti chiostri rinascimentali dell’Istituto degli Innocenti. Eppure i ballerini sembravano tutt'altro che innocenti mentre saltavano e si contorcevano al ritmo di una meravigliosa colonna sonora di musica elettronica ardita e spirituale, creata apposta per l’evento da Joel Cadbury, il compositore famoso per il film-cult gangsteristico “Sexy Beast”. I danzatori erano vestiti con gli abiti della collezione asciutta ma chic “Cos x Pitti Uomo”.
 
Vestiti tagliati in modi allungati e voluminosi, senza diventare mai eccentrici; rifiniti con bottoni spostati e lunghezze esagerate e realizzati in monocolori grigio, blu navy, bianco e grigio stucco. Tutta la collezione ha rappresentato una bella affermazione degli elementi fondamentali del DNA di Cos: modernità, tattilità, atemporalità e funzionalità.

Photo: Cos

“Alcuni capi in maglia hanno delle pieghe; si corrugano facendo delle grinze perché mantengono la memoria del movimento. Volevamo che alcune camicie e cappotti fossero crespi e che emettessero un suono quando si muovevano. Questo è stato il punto di partenza dal quale è stata composta la musica, quando ho coinvolto Joel per indossare gli abiti e ascoltare i loro suoni”, ha sorriso Copin, un francese che lavora negli studi di Cos a Londra. In un giorno in cui è scoppiato uno scontro verbale tra Francia e Italia sulle politiche legate all’immigrazione, è stato bello vedere un francese ricevere un’accoglienza calorosa in Toscana.
 
Naturalmente, il mood rigorosamente anticonformista e insolito dei vestiti di Copin per Cos ha trovato un seguito tranquillo ma cool a livello internazionale.
 
Cos, che ha una rete di 248 negozi in tutto il mondo, e progetta di aprire altri 10 punti vendita prima della fine dell'anno. Una lista che include Basilea, in Svizzera, e Changsha, in Cina, che saranno entrambi inaugurati questo venerdì. Pianificate per il 2018 anche le aperture all’Hotel Dieu di Lione, in Francia; Kuala Lumpur, in Malesia; Austin e Los Angeles negli USA; Augsburg, in Germania; Lyngby, in Danimarca; Brisbane, in Australia, e Bangkok, in Thailandia.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Saloni / fiere
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER