×
762
Fashion Jobs
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · TREVISO
SHOWROOM MARCONA3
Shoes Showroom Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
DFP INTERNATIONAL SPA
Commerciale / Customer s
Tempo Indeterminato · CORROPOLI
THUN SPA
Head of Real Estate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
THUN SPA
Regional Manager France
Tempo Indeterminato · MILANO
CONNECTHUB DIGITAL
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CAMICISSIMA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Impiegato/a Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · MERATE
DELL'OGLIO
Resident Seller
Tempo Indeterminato · PALERMO
BRAMA SRL
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
JD SPORTS FASHION PLC
HR & Payroll Advisor - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
OFF-WHITE C/O VIRGIL ABLOH
Franchising Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Network & Security Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
CONFIDENZIALE
Sistemista IT
Tempo Indeterminato · LUGANO
NEIL BARRETT
IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM
Digital Media Manager
Tempo Indeterminato · GALLARATE
FOURCORNERS
Product Marketing Manager - Fragranze
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Logistic And Customer Service Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
Pubblicato il
6 apr 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Coronavirus: le proposte anti crisi delle aziende retail (non food)

Pubblicato il
6 apr 2020

Oltre 50 brand del comparto retail non food (tra cui OVS, Coin, Gruppo Calzedonia, Liu Jo, Twinset, Percassi, Rinascente, Pinko e molti altri), e quindi escluse dal decreto “Cura Italia”, hanno sottoscritto una lettera aperta al Presidente del Consiglio, al MISE e al MEF per proporre alcune misure volte a limitare i danni dell’emergenza in atto.
 

Le aziende del retail non food scrivono le loro proposte anti emergenza alle istituzioni - Calzedonia


“Non chiediamo soldi a pioggia. Chiediamo misure”, esordisce la lettera, sottolineando che “il solo settore retail non food rappresenta 110 miliardi di fatturato, un milione di lavoratori, quasi 5 miliardi di contributi versati ogni anno. Oltre 20 miliardi di IVA. Almeno 15 miliardi di affitti”.
 
Le aziende coinvolte evidenziano alle istituzioni che a differenza degli altri settori inclusi nel decreto, la loro principale voce di costo è incomprimibile in quanto rappresentata dai prodotti che realizzano e vendono, mentre sono venuti a mancare del tutto gli incassi. A causa di questo squilibrio finanziario, in assenza di misure immediate molte delle aziende del comparto saranno costrette in breve tempo a cessare definitivamente l’attività.

Tra le proposte contenute nella lettera, quindi, la prima è che tutte le aziende che realizzano la maggior parte del proprio giro d’affari attraverso negozi, ad eccezione dei settori non interessati dai provvedimenti di chiusura, debbano essere assimilate alle filiere in crisi, come definite dal decreto “Cura Italia”. Inoltre, gli obblighi di pagamento dovrebbero essere posticipati almeno fino a settembre e ci dovrà essere una revisione degli affitti anche dopo la riapertura.
 
Secondo le imprese che hanno sottoscritto la lettera, si dovrà attuare uno slittamento a settembre anche dei termini di pagamento dell’IVA e dei contributi, la cancellazione di IMU e TARI per il periodo di crisi e la riduzione delle aliquote IRES almeno sino a tutto il 2021. Infine, tra le proposte più urgenti anche la depenalizzazione dei reati tributari per dichiarazioni regolari ma mancati versamenti e l’immediata immissione di liquidità tramite le banche, per compensare la mancanza di capitale circolante.
 
Per quanto riguarda la ripresa, i firmatari della lettera auspicano sgravi contributivi pari al 50% sino al 2021, in modo da ridurre il più possibile il ricorso a licenziamenti; detrazioni fiscali maggiorate sugli investimenti e sulle spese di marketing; la facilitazione del credito al consumo e di soluzioni di pagamento differito, specie attraverso strumenti di pagamenti digitali e detrazioni d’imposta; infine, voucher a favore di persone fisiche per l’acquisto di beni e servizi dalle aziende operanti nei settori in crisi.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.