×
1 796
Fashion Jobs
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
is&t Finance Specialist
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
E-Commerce
Tempo Indeterminato · NOLA
JIMMY CHOO
Senior Costing And Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile di Produzione- Fashion Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
10 mar 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Coronavirus, Kiton a Mattarella: “Chiudiamo i siti produttivi e anticipiamo le ferie estive”

Pubblicato il
10 mar 2020

L’Italia considera l’ipotesi del blocco industriale. Dal momento che le misure disposte dal governo nell'ultimo decreto del 9 marzo potrebbero non bastare a contenere la diffusione del coronavirus, si moltiplicano nelle ultime ore gli appelli di imprenditori e politici per chiedere all'esecutivo interventi più drastici.

Il CEO di Kiton, Antonio de Matteis


La prima voce ad alzarsi è quella di Kiton. In una lettera indirizzata al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il CEO della storica sartoria napoletana, Antonio de Matteis, ha proposto l’interruzione momentanea di tutte le attività produttive che non svolgano servizi di pubblica utilità.
 
“In coerenza con l’ultimo decreto del presidente del consiglio Conte che riunisce l’Italia in un’unica zona protetta, la invito – sperando di condividere il pensiero dei miei colleghi industriali – a disporre un provvedimento di chiusura temporanea di tutti i siti produttivi che non riguardano beni di prima necessità”, spiega la lettera, pubblicata sull’account Instagram di Kiton.

Kiton conta circa 600 dipendenti sparsi nei suoi stabilimenti di Napoli, Caserta, Parma, Fidenza, Biella e Milano. De Matteis propone la “fruizione anticipata delle ferie collettive estive”. Una mossa che “eviterebbe il ricorso ad ammortizzatori sociali, senza generare costi espliciti a carico dello Stato”. “I dipendenti”, continua il numero uno di Kiton, “sarebbero chiamati al sacrificio delle vacanze estive”.
 
Ma la prima regione a compiere questo passo potrebbe essere la Lombardia. Insieme a De Matteis, infatti, a lanciare l’allarme è stato il presidente Attilio Fontana, che ha chiesto un irrigidimento delle manovre per contrastare il contagio.

Attilio Fontana - Ansa


Fontana porterà sul tavolo del governo alcune proposte condivise da dodici sindaci del territorio, tra cui la chiusura di tutte le attività commerciali e la sospensione del trasporto pubblico locale. È da “capire”, aggiunge il governatore lombardo, “se esistono aziende la cui attività possa essere sospesa e quelle invece assolutamente essenziali: come alimentari, energetico, farmaceutica e rifiuti".
 
All’appello di Fontana si uniscono le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil della Lombardia, affinché “si fermi ogni attività economica, imprenditoriale, produttiva, di servizio che non sia giudicata essenziale e per la sua natura non sospendibile”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.