×
920
Fashion Jobs
MANPOWER GROUP
Responsabile Avanzamento Produzione Tessile
Tempo Indeterminato · VARESE
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Wholesale Operations Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Responsabile Commerciale - Premium Fashion Brand
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Impiegato di Magazzino App. Categorie Protette
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
jr Financial Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MALIPARMI
Responsabile Amministrativo ed Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · ALBIGNASEGO
CONFIDENTIAL
Impiegato Ufficio Acquisti Estero
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
District Manager Veneto
Tempo Indeterminato · VERONA
INTIMAMEDIAGROUP
International Sales & Marketing
Tempo Indeterminato · CORSICO
GIOVANNI RASPINI
Retail Controller
Tempo Indeterminato · AREZZO
CONFIDENZIALE
Responsabile Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NOLA
RETAIL SEARCH SRL
Sales Account Piemonte Liguria
Tempo Indeterminato · CUNEO
UB INTERNATIONAL SAGL
Head of Retail/Retail Director
Tempo Indeterminato · LANDQUART
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Business Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Brand Communication Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Project Manager Security Systems - Consultancy Contract
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Production Director
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Junior Export Area Manager - Calzature
Tempo Indeterminato · PADOVA
CONFIDENZIALE
Senior Legal Specialist
Tempo Indeterminato · VICENZA
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Corporate & Emea Health & Safety Manager + Rspp Hqs Milan
Tempo Indeterminato · MILANO

Coronavirus, Kiton a Mattarella: “Chiudiamo i siti produttivi e anticipiamo le ferie estive”

Pubblicato il
10 mar 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

L’Italia considera l’ipotesi del blocco industriale. Dal momento che le misure disposte dal governo nell'ultimo decreto del 9 marzo potrebbero non bastare a contenere la diffusione del coronavirus, si moltiplicano nelle ultime ore gli appelli di imprenditori e politici per chiedere all'esecutivo interventi più drastici.

Il CEO di Kiton, Antonio de Matteis


La prima voce ad alzarsi è quella di Kiton. In una lettera indirizzata al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il CEO della storica sartoria napoletana, Antonio de Matteis, ha proposto l’interruzione momentanea di tutte le attività produttive che non svolgano servizi di pubblica utilità.
 
“In coerenza con l’ultimo decreto del presidente del consiglio Conte che riunisce l’Italia in un’unica zona protetta, la invito – sperando di condividere il pensiero dei miei colleghi industriali – a disporre un provvedimento di chiusura temporanea di tutti i siti produttivi che non riguardano beni di prima necessità”, spiega la lettera, pubblicata sull’account Instagram di Kiton.

Kiton conta circa 600 dipendenti sparsi nei suoi stabilimenti di Napoli, Caserta, Parma, Fidenza, Biella e Milano. De Matteis propone la “fruizione anticipata delle ferie collettive estive”. Una mossa che “eviterebbe il ricorso ad ammortizzatori sociali, senza generare costi espliciti a carico dello Stato”. “I dipendenti”, continua il numero uno di Kiton, “sarebbero chiamati al sacrificio delle vacanze estive”.
 
Ma la prima regione a compiere questo passo potrebbe essere la Lombardia. Insieme a De Matteis, infatti, a lanciare l’allarme è stato il presidente Attilio Fontana, che ha chiesto un irrigidimento delle manovre per contrastare il contagio.

Attilio Fontana - Ansa


Fontana porterà sul tavolo del governo alcune proposte condivise da dodici sindaci del territorio, tra cui la chiusura di tutte le attività commerciali e la sospensione del trasporto pubblico locale. È da “capire”, aggiunge il governatore lombardo, “se esistono aziende la cui attività possa essere sospesa e quelle invece assolutamente essenziali: come alimentari, energetico, farmaceutica e rifiuti".
 
All’appello di Fontana si uniscono le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil della Lombardia, affinché “si fermi ogni attività economica, imprenditoriale, produttiva, di servizio che non sia giudicata essenziale e per la sua natura non sospendibile”.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.