×
1 557
Fashion Jobs
FOURCORNERS
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Compliance And Testing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
ww Distribution Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Project Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Digital Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
MANPOWER PROFESSIONAL
Expansion Manager Franchising
Tempo Indeterminato · CESENA
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
27 mar 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Coronavirus: il British Fashion Council va in soccorso dei designer britannici più fragili

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
27 mar 2020

Il British Fashion Council (BFC), l'organismo rappresentativo della moda britannica, ha annunciato venerdì 27 marzo il lancio di un fondo di crisi per sostenere gli stilisti del Regno Unito e i loro brand durante la pandemia di Covid-19.

Molly Goddard - Autunno-Inverno 2020 - Womenswear - Londra - © PixelFormula


Attraverso la sua fondazione di beneficenza, la BFC Foundation, l'organizzazione mette a disposizione un milione di sterline (circa 1,11 milioni di euro), “la maggior parte del quale sarà utilizzata per supportare marchi di stilisti, mentre una parte sarà assegnata agli studenti per sostenere la futura generazione di talenti”.
 
Il BFC sta inoltre lanciando una campagna di raccolta fondi, ben consapevole che un milione di sterline non sarà sufficiente per arginare l'incombente crisi.

Questo nuovo fondo deriva dal raggruppamento delle sovvenzioni per il sostegno alla creazione solitamente distribuite dal BFC per premiare i giovani talenti o per accelerare la crescita delle aziende. Ovviamente, al momento queste iniziative non sono più all'ordine del giorno, soprattutto perché le sfilate di moda e i prossimi eventi dell’universo fashion sono stati cancellati in tutto il mondo.
 
Il BFC sottolinea che: “Se un milione di sterline rappresenta un buon inizio, le esigenze del settore superano di gran lunga tale importo. Abbiamo chiesto al governo di intervenire e chiediamo alle aziende e ai professionisti del settore di alimentare il Covid Crisis Fund effettuando donazioni, in modo che il maggior numero possibile di marchi possa beneficiare di questo sostegno”.
 
La campagna di raccolta fondi mira a riunire “contributi che saranno cruciali per la sopravvivenza di questi marchi creativi che ispirano l'intera industria globale. La crisi sta causando molte difficoltà alle imprese. Il BFC chiede sostegno per i giovani marchi attraverso sovvenzioni o prestiti a lungo termine a basso rischio, che aiuteranno a gestire le cancellazioni degli ordini e le possibili interruzioni nelle loro catene di approvvigionamento, al fine di evitare un effetto domino che farebbe crollare l'intero settore”.
 
Come diverse federazioni in Francia e Italia, anche il BFC richiede la sospensione del pagamento degli affitti per uffici e negozi per proteggere i posti di lavoro.
 
Caroline Rush, la direttrice del British Fashion Fund, sottolinea l'urgenza della situazione: “Oggi più che mai, ci impegniamo a supportare le aziende e gli individui che compongono il nostro settore. Con il Covid Crisis Fund della BFC Foundation e le donazioni già raccolte, speriamo di sostenere le aziende del Regno Unito che necessitano di sovvenzioni aggiuntive, al di là delle misure di rilancio del governo, per affrontare i loro problemi più urgenti”.
 
Le domande di sovvenzione saranno aperte entro sette giorni e proseguiranno fino al 10 aprile. Il supporto è rivolto a marchi di stilisti affermati, specializzati nel prêt-à-porter femminile e/o maschile, negli accessori, nella produzione di cappelli o nell’alta gioielleria — ne sono esclusi i marchi di abiti da sposa o di moda per bambini.
 
Le società candidate devono avere sede nel Regno Unito ed essere registrate presso la Companies House, l'equivalente britannico del registro delle imprese italiano. Il loro capitale deve essere in maggioranza di proprietà dello stilista/direttore creativo stesso, e non deve aver beneficiato di finanziamenti esterni in fondi propri “di importo significativo”. La sovvenzione richiesta deve essere collegata a un obiettivo definito, chiaramente legato alla sopravvivenza dell'impresa nel prossimo esercizio finanziario.
 
Il fondo è sostenuto dai partner del BFC: Arch & Hook, British Vogue, Browns, Burberry, Depop, GQ, JD.com, Label/Mix, Paul Smith, Rodial e Value Retail.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.