×
226
Fashion Jobs
FOURCORNERS
E-Commerce & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
RETAIL SEARCH SRL
Senior Finance/Business Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Area Manager Centro Italia
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
RETAIL SEARCH SRL
Area Manager Nord Ovest
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Showroom Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
Area Manager Wholesales Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
MIROGLIO FASHION SRL
Digital Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Triveneto Fashion
Tempo Indeterminato · VERONA
GCDS
Wholesale Showroom Sales
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Jersey Product Manager / Luxury Brand / Ticino
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
Showroom Manager – Interior Design
Tempo Indeterminato · MILANO
PANDORA
Talent Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PANDORA
Commercial fp&a Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PANDORA
Demand Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PANDORA
Paid & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PANDORA
Merchandise Planning & Allocation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Junior Area Manager - Retail Fashion
Tempo Indeterminato ·
THUN SPA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CHRISTINA WU BRIDES & ADRIANNA PAPELL PLATINUM
Sales Representative Nord Italia
Tempo Indeterminato · MILANO

Coronavirus, Confcommercio: in fumo 50 miliardi di consumi, PIL -3%

Di
APCOM
Pubblicato il
26 mar 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Gli effetti dell'emergenza Coronavirus sull'economia italiana saranno pesantissimi: andranno in fumo 50 miliardi di euro e il PIL subirà un calo del 3%. E quanto prevede l'Ufficio Studi Confcommercio ipotizzando una "riapertura" del Paese ad inizio ottobre.

ansa


"Con il protrarsi delle chiusure delle attività produttive e di quelle del terziario, come il commercio, il turismo, i servizi, i trasporti e le professioni, e con la prospettiva che questa situazione si prolunghi nel tempo, la situazione economica e il calo dei consumi sono destinati a peggiorare. E, nella difficoltà di prevedere a breve il ritorno ad una situazione normale", rischia di saltare la previsione più ottimistica che era quella della "riapertura" dell'Italia a giugno che avrebbe comportato, per il 2020, la perdita di 1 punto di PIL e 18 miliardi di consumi".

Secondo Confcommercio, si fa quindi più realistica l'ipotesi della riapertura del Paese solo all'inizio di ottobre, con una riduzione dei consumi di oltre 52 miliardi e un calo del Pil di circa il 3%, stime che incorporano anche gli aiuti stanziati con l'ultimo decreto.

In quest'ultima ipotesi - prosegue la nota - i settori che saranno più colpiti sono: alberghi e ristorazione (-23,4 mld di consumi nel 2020), trasporti e acquisto autoveicoli (-16,5 mld), cultura e tempo libero (-8,2 mld), abbigliamento (-6,6 mld).

"È evidente”, conclude l'Ufficio Studi, “che tutte le misure annunciate dalla BCE per evitare che dal settore reale la crisi migri a quello finanziario, così come i diversi interventi progettati a livello internazionale per assicurare un movimento ordinato del rendimento dei titoli sovrani dei diversi Paesi, non potranno evitare la recessione, ma ne mitigheranno l'impatto favorendo le condizioni di ripresa una volta superata l'emergenza sanitaria".

Fonte: APCOM