×
1 329
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
Pubblicato il
29 giu 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Corneliani: il tribunale dà il via libera al concordato preventivo

Pubblicato il
29 giu 2021

A un anno e qualche giorno dal ricorso alla procedura di concordato preventivo in bianco, l'azienda sartoriale mantovana di moda maschile Corneliani S.r.l. ha ottenuto in data 28 giugno l’ammissione alla procedura di concordato preventivo dal Tribunale di Mantova. Un passo fondamentale per garantire la continuità produttiva societaria e per far partire il processo di turnaround e di rilancio aziendale studiato dalla società e supportato da alcuni investitori del proprietario di maggioranza del brand, il fondo inglese Investcorp che ne controlla l’86% (il restante 14% è in mano alla famiglia fondatrice), e dal fondo dello stato italiano Invitalia.

Sembrano finalmente attenuarsi le difficoltà di Corneliani. Nella foto: lo stabilimento aziendale


Per rilanciare la società, lo scorso 7 aprile, al Ministero per lo Sviluppo Economico, è stato infatti trovato l’accordo per la creazione di una newco partecipata dall'azienda pubblica Invitalia, fondo statale che ha investito 10 milioni di euro nella nuova società, e dall'azionista di controllo Investcorp, che ha stanziato 7 milioni di euro. Con l’ok arrivato anche dai sindacati, è stato ottenuto il mantenimento e la valorizzazione dello stabilimento produttivo di Mantova e sono stati evitati i circa 150 licenziamenti che erano stati prospettati, che per la metà dovevano essere pensionamenti fino al 2025.
 
Il decreto del tribunale di Mantova prevede anche che entro il prossimo 21 settembre si potranno formulare offerte concorrenti per la cessione del ramo d’azienda operativo di cui la Corneliani S.r.l.  è titolare, con l'eventuale gara che scatterà il giorno successivo.

La ristrutturazione legata al piano industriale prevede una strategia focalizzata a garantire crescita e competitività, salvaguardando l’heritage produttivo e creativo dell’azienda guidata dall’AD Giorgio Brandazza.
 
Il 19 luglio Corneliani aprirà ufficialmente la campagna vendite Primavera-Estate 2022, sia in presenza che tramite virtual showroom, spiega in un comunicato, puntando su due fattori: ricerca e sostenibilità.
 
La prima sarà protagonista nel progetto “New Formal”, una nuova interpretazione del formale nel concepimento di abiti e giacche per adattarsi al nuovo lifestyle più casual dell’uomo contemporaneo.

Un outfit della capsule collection "Circle", PE 2021 - Corneliani


La seconda sarà invece espressa nelle capsule “Circle”, un guardaroba a basso impatto ambientale i cui prodotti sono realizzati seguendo il principio della responsabilità e trasparenza in ogni fase del ciclo manifatturiero. 
 
Contestualmente l’azienda sta lavorando anche alla realizzazione della pre-collezione invernale, che sarà disponibile a novembre.
 
Nato a Mantova nella seconda metà degli anni ’50 del Novecento ereditando l’esperienza di Alfredo Corneliani, tra i pionieri nel settore moda uomo in Italia, che iniziò negli anni ‘30 una produzione artigianale di impermeabili e capispalla, fino all’anno scorso Corneliani contava oltre 1.000 dipendenti tra le sedi di Mantova e Milano, le filiali estere in Cina e negli Stati Uniti, gli stabilimenti produttivi esteri e il retail diretto, e veniva distribuito in oltre 750 punti vendita tra department store di lusso, negozi multimarca e monomarca. Oggi la situazione è profondamente cambiata, ma la società, interpellata da FashionNetwork.com preferisce ancora non comunicare nuove cifre.
 
All’inizio di quest’anno, prima Marco Boglione, fondatore e presidente del gruppo torinese di sportswear BasicNet, e successivamente la società inglese Blackwood Fashion Investments Limited hanno ritirato le loro offerte d’acquisto di Corneliani, prima dell’accordo primaverile Invitalia/Investcorp che ha salvato il marchio mantovano fondando appunto una nuova società partecipata dall'azienda pubblica e da investitori stranieri.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.