×
1 174
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
1 mar 2022
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Cormio, Tokyo James, Andreādamo: 3 nomi nuovi da ricordare della Fashion Week di Milano

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
1 mar 2022

La Milano Fashion Week, conclusasi lunedì 28 febbraio, ha accolto ben dieci nomi al debutto. Tra loro, tre giovani etichette si sono particolarmente fatte notare per freschezza delle proposte e creatività. Cormio e le sue maglie giocose, Tokyo James e i suoi look esuberanti, Andreadamo con il suo stile sexy-inclusivo.

Cormio, Autunno-Inverno 2022/23 - DR


Cormio ha creato, domenica, un momento di pura emozione invitando un coro di una quarantina di giovani, di età compresa tra i 12 e i 21 anni, in un convento del XVI secolo. I “Giovani Cantori di Torino”, che la stilista Jezabelle Cormio ha voluto mettere in risalto in segno di sostegno a questa fascia d’età della popolazione, rimasta rinchiusa e privata di ogni attività per quasi due anni di pandemia. Sospendere la frenesia della Fashion Week, arrivare in questo chiostro e ascoltare queste ragazze e ragazzi che si esibiscono con tanta grazia e passione, cantando Mozart oltre alla hit “Sweet Dreams” degli Eurythmics, è stato qualcosa di magico.
 
Con le loro voci cristalline, accompagnati solamente da un pianista, questi giovani hanno commosso fino alle lacrime il pubblico, che ha rivolto loro un'ovazione, mentre loro stessi, con gli occhi umidi, sono stati travolti dall'emozione. Tutti, vestiti da Cormio, hanno poi attraversato la stanza prima di lasciare l’evento. Il tema scelto dalla stilista è stato il mondo degli scout. Niente di più naturale, quindi, che far indossare le sue creazioni da questi adolescenti speranzosi e dall’aria candida e schietta, e per la prima volta anche da modelli maschi.

Nei loro mocassini con fibbia o con morsetto (forniti da Gucci, che distribuisce Cormio sul suo sito Vault), nei calzini bianchi al ginocchio o nelle calze a righe colorate, la cravatta o la sciarpa da scout annodata al collo, i ragazzi indossano gonne-plaid scozzesi, mini pantaloncini di pelle, pantaloni di velluto a grosse coste, gonne e pantaloni in jeans sorretti da cinture con grosse fibbie e t-shirt a motivi fantasia (ape, scoiattolo, grandi fiori, ecc.), il tutto in colori pop e uno spirito vintage anni Settanta.
 
La maglieria, grande specialità dello stilista, occupa un posto d'onore grazie a cardigan ritorti, cappellini per bambini in maglia, abiti attillati a righe sottili, gonne e miniabiti con tasche e cinture evidenziate in nero come un trompe-l’œil, o pullover decorati con piccoli fiori ricamati, riprendendo i motivi tipici tirolesi che hanno ispirato il brand fin dall'inizio, mescolando folklore e modernità.
 
Laureata alla Royal Academy of Fine Arts di Anversa, figlia di madre americana e padre italiano, originaria di Roma, Jezabelle Cormio (31 anni) ha lanciato il suo marchio nel 2019, dopo una serie di collaborazioni, aiutata da un amico investitore e dalla sua sorella Beulah, che si occupa della pubblicità. Da quando è stata notata dal direttore artistico di Gucci, Alessandro Michele, che l'ha invitata al suo GucciFest e ha presentato la sua collezione lo scorso settembre a Milano in una merceria, è decollata arrivando a contare una cinquantina di rivenditori, tra cui 10 Corso Como.

Tokyo James, Autunno-Inverno 2022/23 - DR


Anche con Tokyo James si è percepita una boccata d'aria fresca sulle passerelle milanesi. Una collezione gioiosa e fantasiosa, dove la tradizione dei sarti di Savile Row si mescola all'artigianato africano (l'intera collezione è made in Nigeria) con, per la prima volta, un’incursione nella donna. Quando ha fondato la sua casa di moda a Lagos nel 2015, l'anglo-nigeriano Ineyie Tokyo James, appena selezionato per le semifinali del premio LVMH, ha infatti iniziato con l'abbigliamento maschile.
 
Inizialmente orientato agli studi di matematica, svolti presso la Queen Mary University di Londra, James ha intrapreso la carriera di stylist di moda lavorando per diverse testate internazionali e alcuni brand, di cui ha guidato le campagne digitali (Brioni, Issey Miyake, Puma Black Label), lanciando la pubblicazione digitale mensile Rough UK.
 
Per il prossimo inverno sceglie la rana, nota per la sua resilienza, come simbolo di questa ripresa post-pandemia, ma anche “perché si trova in tutto il mondo, quindi rappresenta l'unità”, spiega lui. I batraci multicolori si arrampicano su giacche di pelle, o lunghi cappotti e abiti neri, ricamati sul petto o sulle tasche. Altrove sono bianchi e disseminati su un trench in pelle verniciata blu scuro.
 
Le loro teste irte di creste e punte punk, con ai piedi scarpe da calcio con tacchetti Nike, gli uomini si presentano con occhiali smisurati rivestiti di pelle o tessuto di lana e indossano completi di volta in volta classici, increspati con rasi colorati, percorsi da ghirlande metalliche o di lana gialla arricciata, mentre le donne optano per outfit sexy, come completi di pelle e tulle o pizzo frangiati con corde colorate da alpinismo, o anche in un sensuale body-giacca da smoking che si allunga in fasce piroettanti.

Andreādamo, Autunno-Inverno 2022/23 - DR


Anche Andreadamo, che ha sfilato per la prima volta in assoluto in occasione di questa settimana milanese, esalta la femminilità, non esitando a spogliare il corpo. “Il concetto è il nudo universale. È lì che tutto nasce. Lavoro su tessuti e maglie attillati dei diversi colori della pelle e su pezzi senza taglia, dove i confini tra l'abbigliamento e il corpo sono aboliti”, racconta Andrea Adamo (38 anni).
 
Dopo l'Accademia di Belle Arti di Bologna e una lunga carriera in diverse maison (Elisabetta Franchi, Roberto Cavalli, Zuhair Murad e Dolce & Gabbana), lo stilista calabrese originario di Crotone si è lanciato in solitaria nel settembre 2020 da Milano, dove si è stabilito. Per la sua prima sfilata, lancia le proprie modelle, super sexy nei loro abiti corti e attillati, sotto i portici di un chiostro rinascimentale, illuminato da un bagliore rosso in un'atmosfera da discoteca.
 
Indossando stivali di pelle rossi o neri alti fino alla coscia con tacchi a spillo, le ragazze Andreadamo interpretano tante catwoman in tute con cappuccio di velluto o lattice, o in body molto sgambati. La maglia, specialità dello stilista, domina, grazie a gonne con strisce di paillettes, pantaloni traforati o anche mini abiti che rivelano brandelli di pelle attraverso spacchi e aperture studiate. Gli abiti-bustino in jersey senza spalline drappeggiano la figura, mentre le voluminose maniche in lungo pelo di capra le conferiscono fascino.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.