×
1 355
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta Human Resources Generalist (Creative Talents)
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato ·
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
PVH ITALIA SRL
E-Commerce Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Facility & IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Vip Key Account Manager / Online Sales Associate
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace Manager (Farfetch)
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace / Multichannel Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Export Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Industrializzatore
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Menswear Brand Sales Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Expansion Manager Nord
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Digital Customer Care Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
23 mar 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Contraffazione: Amazon promette nuovi strumenti per i ritiri di prodotti falsi

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
23 mar 2017

Amazon amplierà il suo programma per il ritiro di prodotti contraffatti a partire dalla primavera, nel quadro degli sforzi che sta mettendo in pratica volti ad assicurare ai proprietari dei brand che il sito di vendite online è più un alleato che una minaccia.

Peter Faricy, vicepresidente di Amazon responsabile del marketplace - Amazon


Secondo Peter Faricy, vicepresidente di Amazon responsabile del marketplace, a partire dal mese prossimo qualsiasi marchio potrà registrare il proprio logo e la sua proprietà intellettuale con Amazon, in modo che l’azienda possa rimuovere più facilmente dei prodotti dalle liste ed eventualmente chiudere degli account di venditori quando vengono identificati dei prodotti contraffatti.
 
Questo registro dei marchi, che attualmente si trova in fase di test, sarà reso disponibile gratuitamente in America del Nord, ha inoltre precisato Peter Faricy durante una presentazione tenutasi al Shoptalk di Las Vegas.

Questa decisione testimonia gli sforzi compiuti da Amazon per corteggiare i più importanti venditori terzi. Il gruppo di Seattle addebita una commissione per ogni transazione effettuata sul suo sito web e propone anche dei proficui servizi pubblicitari e di gestione degli ordini.
 
Dei falsari commercializzano in effetti delle versioni di prodotti a basso prezzo o autentici su Amazon, a volte causando l'avvio di azioni penali, come nel caso di Apple, che ha denunciato dei commercianti presenti sul sito. Altri marchi ritengono che Amazon controlli troppo il processo di vendita e si lamentano che quest’ultimo possa creare delle copie con il proprio marchio, proposte poi a un prezzo inferiore, degli articoli più venduti.
 
“I dati non supportano questo fatto”, dice Peter Faricy, in merito alla tesi secondo la quale Amazon sarebbe un rischio per i venditori. I venditori terzi ora rappresentano il 50% delle unità vendute su Amazon, secondo Faricy.
 
L’accesso agli oltre 300 milioni di clienti di Amazon ha permesso a 100.000 venditori di generare almeno 100.000 dollari ciascuno grazie al sito lo scorso anno. Sempre secondo Peter Faricy, i servizi di gestione degli ordini hanno anche reso abbordabile a tanti piccoli commercianti il servizio di consegna in un giorno.
 
I compratori, i marchi o Amazon stesso possono segnalare gli articoli contraffatti grazie al registro dei marchi, che è stato sviluppato dal gruppo statunitense nel corso del 2016. Amazon propone inoltre ai marchi il programma “Transparency”, che permette loro di apporre un codice sull’imballaggio consentendo agli acquirenti di confrontare l’acquisto con delle informazioni ufficiali.
 
Secondo Peter Faricy, gli sforzi per la lotta contro la contraffazione sono ancora agli inizi. “non penso che si tratti del genere di cose che hanno una fine”, ha infatti puntualizzato.
 
Un argomento che hanno fatto proprio in particolare vari gruppi del comparto del lusso, come LVMH e Richemont, per ottenere, nel 2010, il diritto presso la Commissione Europea di poter rifiutare di associarsi con certi siti. Lo scorso ottobre, il colosso francese LVMH ha affermato che “in nessun caso” lavorerebbe con Amazon.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.