×
1 627
Fashion Jobs
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
Di
Ansa
Pubblicato il
14 gen 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Consumi: ripresa 2021 è 'mini', Omicron cambia gli scenari

Di
Ansa
Pubblicato il
14 gen 2022

La paura della pandemia cambia gli scenari e ostacola la corsa della ripresa dei consumi che taglia in affanno il traguardo di questo faticoso 2021. L'anno, secondo le ultime previsioni di Confcommercio infatti, si chiuderà con una crescita dei consumi del 5,1%, ancora il 7,3% in meno rispetto ai livelli del 2019 e con il completo ritorno ai livelli pre-pandemici non prima del 2023.

Ansa


Il calo per alcuni settori come la filiera del turismo della cultura e del tempo libero, è ancora a due cifre e il timore per una nuova frenata spinge le categorie a chiedere un nuovo, immediato, intervento del governo: "la ripresa per migliaia di imprese - come quelle del turismo - non è mai arrivata pienamente. In un contesto ancora così grave e allarmante chiediamo al Governo di procedere subito con i sostegni ai settori più colpiti, a cominciare dal rinnovo della cassa Covid e delle moratorie fiscali e creditizie", afferma il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli.

"Il quadro previsionale che era stato previsto con la Legge di Bilancio si è radicalmente modificato", sottolinea anche Confesercenti che chiede di "dare continuità alle misure per il credito previste dal DL Liquidità, che ha messo a disposizione delle imprese circa 169 miliardi di euro di finanziamenti". "Il clima di incertezza richiede interventi congrui e urgenti".

Insomma, potrebbe sembrare un flashback che riporta ad un anno fa ma la situazione è ben diversa, visto che l'anno, secondo le previsioni di Confcommercio, si chiuderà con una crescita del Pil del 6,1% e nel 2021 rispetto all'anno precedente tutti i settori hanno registrato crescite nette: +19,2% per alberghi e ristoranti , +13,4% per vestiario e calzature, +11,4% per i trasporti, +8,6% per ricreazione, cultura e istruzione. Rimbalzi ma non scontati, dicono i commercianti "che testimoniano la grande vitalità del tessuto produttivo del Paese le cui performance non erano affatto scontate".

Rispetto invece al periodo pre pandemia i consumi degli italiani sono aumentati solo nei settori degli alimentari e bevande (2,6%), nelle comunicazioni (5,6%) e nelle spese per la casa (gas elettricità e combustibili 1,2). Tutti gli altri registrano un segno meno. Per alberghi e ristoranti la perdita dei consumi è del 29,2%, per i servizi culturali e ricreativi del 21,5%; per i trasporti il 16% e per l'abbigliamento e le calzature il 10,5%.

E a preoccupare ora è il prossimo futuro: secondo i risultati di un sondaggio realizzato da Confesercenti con Ipsos il 51% dei consumatori dichiara di evitare di servirsi di bar o ristoranti, o comunque di aver ridotto la frequentazione di pubblici esercizi e locali; il 32% ha rinunciato a fare un viaggio o ha disdetto una vacanza già prenotata e sempre il 32% ha evitato o ridotto gli acquisti nei negozi per timore degli assembramenti. Il timore deprime anche i saldi, secondo l'associazione dei commercianti, con un milione di clienti che avrebbe rinunciato a fare shopping per paura dei contagi e con il 25% che non entra nei negozi se vede troppe persone, e fa la fila fuori. Infine l'effetto del rinnovato smart working di massa che -sostengono-avrà un effetto da 850 milioni di minori consumi al mese.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.