×
1 384
Fashion Jobs
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILAN
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
SIDLER SA
Jersey Product Manager / Luxury Brand / Ticino
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
OTB SPA
E-Commerce Accounting Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
MIA BAG
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
STELLA MCCARTNEY
Health, Safety & Environment Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Marketing & E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · BOLZANO
VALENTINO
Compliance & Sustainability Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
UMANA SPA
IT Manager
Tempo Indeterminato · VENEZIA

Condizioni di lavoro: Hugo Boss criticato da Clean Clothes Campaign

Pubblicato il
today 16 mar 2015
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il brand Hugo Boss violerebbe i diritti dei lavoratori nelle fabbriche di Turchia e Croazia in cui produce le sue collezioni, secondo l’ONG Clean Clothes Campaign (CCC).
  

HugoBoss.com


Lavoratori sindacalisti licenziati, intimidazioni, molestie sessuali e deregolamentazione delle ore di lavoro straordinario, sono le principali accuse lanciate al marchio tedesco da CCC. L’organismo indica inoltre che i salari degli operai turchi nel 2013 (326 euro) sono al di sotto della soglia di povertà (401 euro) e lontani dal livello minimo di sussistenza (890 euro).

E' stata lanciata una petizione per spingere Hugo Boss ad abolire queste pratiche, documento nel quale CCC fornisce i dettagli delle sue accuse contro il marco tedesco.

«Il Made in Europe dovrebbe far sì che i lavoratori possano evitare la povertà e non debbano aver paura di aderire a un sindacato», si rammarica Bettina Musiolek, portavoce di CCC. «Al contrario, il Made in Europe crea povertà e impedisce alle persone di esercitare la propria libertà politica. Hugo Boss può e deve protestare contro queste palesi violazioni. Un vero capo corrisponde almeno un dignitoso salario di sussistenza».

Circa il 20% dei prodotti di Hugo Boss sono prodotti in stabilimenti di proprietà dello stesso brand. Il suo sito produttivo più grande si trova a Izmir, in Turchia, e nel 2015 verrà ampliato, soprattutto per andarsi ad occupare delle produzioni precedentemente garantite dalla fabbrica di Cleveland, destinata a chiudere in questo semestre.

Questa presa di posizione di CCC si manifesta nel momento in cui Hugo Boss ha comunicato i suoi risultati del 2014, e ha rivisto verso il basso le sue previsioni per il 2015, puntando adesso su un rialzo del 5% delle vendite rispetto ai 2,57 miliardi di euro generati nel 2014.

Matthieu Guinebault (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.