×
1 401
Fashion Jobs
EXPERIS S.R.L.
Responsabile Commerciale
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SASHA 2017 SRL
Gerente - Persona by Marina Rinaldi
Tempo Indeterminato · MILANO
HANG LOOSE SRL
Direttore Commerciale
Tempo Indeterminato · CASALE MONFERRATO
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILAN
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
SIDLER SA
Jersey Product Manager / Luxury Brand / Ticino
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
OTB SPA
E-Commerce Accounting Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
MIA BAG
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
STELLA MCCARTNEY
Health, Safety & Environment Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità

Condizioni dei lavoratori: Polonia e Repubblica Ceca nel mirino

Pubblicato il
today 4 feb 2016
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il Made in Europe è sinonimo di migliore etica? No, risponde l’ONG Clean Clothes Campaign, che stigmatizza le condizioni in cui lavorano attualmente gli operai in Polonia e Repubblica Ceca, fra straordinari forzati, mancato rispetto del salario minimo, e diffuso clima di paura organizzato.


Il salario minimo netto è rispettivamente di 312 e 390 euro in Polonia e in Repubblica Ceca, laddove le ONG sottolineano che gli emolumenti minimi di sussistenza sarebbero di 1.032 e 980 euro. I salari praticati nell'abbigliamento sarebbero in questi Paesi i più bassi dell'intero tessuto produttivo industriale, secondo CCC.

A ciò si aggiungono molti casi di straordinari forzati richiesti da direzioni non disposte a pagarli, evocando, di fronte a una forza lavoro prevalentemente femminile, lo spettro di una disoccupazione endemica locale.

Hugo Boss, Calvin Klein e Schiesser sono le aziende direttamente citate dal rapporto, con i dipendenti dei loro fornitori locali che descrivono l’impossibilità di ottenere il salario minimo fondamentale per le loro ore di lavoro. “Oltre a trattarsi di una violazione della legge, il rifiuto di garantire un salario decente costituisce anche una violazione dei diritti dell'uomo e della dignità dei lavoratori”, per CCC.

Matthieu Guinebault (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.