×
1 572
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Retail Area Manager Piemonte/Liguria/Lombardia
Tempo Indeterminato · TORINO
ANONIMA
ww Wholesale Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Digital Client Development Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
ORIENTA SPA
General Manager - Bolzano
Tempo Indeterminato · BOLZANO
ANTONIOLI S.R.L.
SEO & SEM Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Pubblicato il
20 set 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Conceria italiana in ripresa, ma rimangono lontani i livelli pre-covid

Pubblicato il
20 set 2021

Dopo un 2020 fortemente segnato dalla pandemia, l’industria conciaria torna in territorio positivo, ma i rincari delle materie prime gettano un'ombra sui ritmi della ripresa, ancora al di sotto dei livelli pre-covid.

L'industria conciaria italiana torna in territorio positivo nel 2021


Come segnalano i dati elaborati da Unic, l’anno passato era terminato con un valore della produzione di 3,5 miliardi (-23%) ed esportazioni per 2,5 miliardi (-25%), pari ad una perdita complessiva di quasi un miliardo, con cali a due cifre per tutti i segmenti, ad eccezione delle pelli per l’arredo.
 
Ma la fase critica è superata e i primi sei mesi del 2021 fanno segnare un importante inversione di tendenza per il settore, con incrementi del 20,7% dei volumi di produzione, del 25,3% del fatturato e del 28% dell’export (che vale il 75% della produzione).

Risultati incoraggianti che, tuttavia, mostrano l’ampio divario ancora esistente rispetto ai primi sei mesi del 2019, con la pelle italiana che cede il 10,4% in volume, il 15,5% di fatturato e il 16,4% in termini di export.
 
Le vendite verso la Cina (inclusa Hong Kong), da quasi trent’anni prima meta estera del settore, crescono del 39% sul 2020, ma restano lontane dai valori pre-covid (-25%). Sulla falsariga anche i partner europei, tra cui Francia (+21% sul 2020, -21% sul 2019), Germania (rispettivamente +19% e -16%), Spagna (+17%, -35%), Portogallo (+18%, -8%), Polonia (+25%, -12%), Romania (+30%, -18%), Serbia (+41%, -10%) e Uk (+28%, -26%). Fanno eccezione il Vietnam, attualmente secondo mercato di sbocco dell’export italiano di pelli, che cresce del 68% sull’anno passato e del 16% rispetto a due anni fa, gli Usa (+41% sul 2020 e +3% sul 2019) e il Messico, con flussi raddoppiati rispetto allo scorso anno e +42% su due anni fa.
 
Analizzando i segmenti produttivi, in miglioramento le vendite di pelli per arredamento, mentre il recupero è solo parziale per pelletteria e automotive. Maglia nera alla calzatura, seppur in rialzo sul 2020. La ripresa è generalmente più consistente per le pelli bovine, soprattutto medio-grandi, e per le ovine. Persistenti cali per le capre. 
 
Sulla strada della ripresa incombono, infine, i prezzi delle materie prime, cresciuti in media del 25% da gennaio a giugno 2021 e del 45% rispetto al 2020, con punte anche superiori al 65% per alcune tipologie di pelle grezze e trend simili per la fornitura di ausiliari chimici. Senza essere accompagnato da una ripresa diffusa e convinta di domanda e consumo, il fenomeno rischia di inibire l’intensità del recupero, con conseguenze anche molto gravi sul piano della sostenibilità finanziaria del settore.
 
L’industria conciaria italiana conta 1.165 aziende, distribuite nei distretti produttivi veneto, toscano, campano e lombardo, che occupano circa 18mila addetti.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.