×
1 442
Fashion Jobs
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILAN
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
SIDLER SA
Jersey Product Manager / Luxury Brand / Ticino
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
OTB SPA
E-Commerce Accounting Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
MIA BAG
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
STELLA MCCARTNEY
Health, Safety & Environment Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Marketing & E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · BOLZANO
VALENTINO
Compliance & Sustainability Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
UMANA SPA
IT Manager
Tempo Indeterminato · VENEZIA

Commissione UE lancia web tax al 3% su giro d'affari in servizi online

Di
Reuters
Pubblicato il
today 21 mar 2018
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La Commissione europea ha ufficializzato oggi la sua proposta di web tax, che per come è strutturata sarebbe a carico soprattutto di Google, Facebook e Amazon.

Foto d'archivio/REUTERS/François Lenoir


Lo schema prevede che le società con ricavi digitali significativi nell’Unione Europea paghino una tassa del 3% sul volume d’affari nel mercato dei servizi online, stimato in 5 miliardi di euro. 

Se fosse sostenuta dagli Stati membri, il cui supporto non è certo, la web tax si applicherebbe solo alle grosse aziende con un giro d’affari annuale a livello mondiale sopra i 750 milioni di euro e ricavi annuali “tassabili” in Europa sopra i 50 milioni. 

Tra le aziende interessate vi sono anche Airbnb e Uber perché l’imposta si applica a tutte le attività in cui l’utente concorre a creare valore: pubblicità online, motori di ricerca, social media, trading online o vendita di dati sugli utenti stessi. 

È in ogni caso una soluzione temporanea. L’obiettivo a lungo termine è arrivare ad una soluzione che permetta di tassare gli utili digitali delle società nei paesi in cui questi vengono realizzati e non dove la compagnia ha sede legale, come accade ora. 

La Commissione accusa i giganti del web di avere un tax rate effettivo pari a circa il 9,5% dell’utile, meno della metà di un’impresa che opera in settori tradizionali. Il contesto in cui è maturata la proposta vede gli Stati Uniti turbare la UE con le prime misure di stampo protezionistico sul fronte della politica commerciale. 

© Thomson Reuters 2019 All rights reserved.