×
1 768
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Regional Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
TALLY WEIJL
Merchandise Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Back-Office Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Design Consultant, Slgs
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Sportswear Merchandising Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Technical Textile Production Manager – 271.Adv.21
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
HUGO BOSS
Sales Area Manager - Wholesale
Tempo Indeterminato · MILANO
ASCOLI HFD SRL
Impiegato Ufficio Acquisti e Gestione Cliente
Tempo Indeterminato · MILANO
HUGO BOSS
Construction Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Menswear Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager Arredo Design
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
29 giu 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Collezioni eco-responsabili: come i grandi brand articolano la loro offerta

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
29 giu 2021

Che si tratti di materiali più sostenibili, migliori condizioni di produzione nelle fabbriche o riduzione delle emissioni di CO2, i marchi di moda del mass market stanno intensificando le iniziative per limitare il loro impatto sull’ambiente, e si sono lanciati da diverse stagioni nella proposta di gamme che certificano come eco-responsabili. Ognuno dei maggiori brand del settore ha creato una propria linea che si muove in questo ambito (Join Life, Committed, Conscious, ecc.), aggiunta alla collezione classica. Ma che posto occupano oggi questi prodotti presumibilmente più ecologici nelle offerte di H&M, Mango, Uniqlo o C&A? L'analista Retviews by Lectra, la cui specialità è confrontare gli assortimenti dei marchi, presenta la seconda edizione del suo studio dedicato alle collezioni eco-responsabili. Rassegna.

Zara, collezione "Join Life" - DR


Prima osservazione fatta da Elie Khayath, direttore CSR (Corporate Social Responsibility) di Lectra: “La pandemia globale di coronavirus non ha assolutamente relegato in secondo piano la sostenibilità, anzi”. Ma le dinamiche non sono le stesse per tutte le catene di abbigliamento. Così, nel primo trimestre del 2021 (rispetto al primo trimestre del 2020), Mango (dall'1 al 9%) e H&M (dal 10 al 23%) hanno aumentato la percentuale di articoli più eco-responsabili nella loro offerta, mentre detta quota è sensibilmente calata da Zara (dal 30 al 6%) e C&A (dal 23 al 3%).

Evoluzione della ripartizione dell'offerta eco-responsabile tra il 2020 e il 2021 - Retviews by Lectra


Retviews ha isolato un confronto tra i colossi H&M e Zara: sembra che la catena del gruppo svedese offra il 23% di prodotti cosiddetti più responsabili (contenenti almeno il 50% di materiali sostenibili) nel proprio assortimento totale, molto di più della rivale spagnola, che arriva solo al 6% dell'offerta.
 
Il prezzo medio dei capi etichettati più green è invece più o meno lo stesso, 28,10 euro per H&M e 28,60 euro per Zara, mentre il prezzo medio di un prodotto classico arriva a 26,10 euro per la marca svedese, ma a ben 36,10 euro per la spagnola.

Composizione dell'offerta sostenibile dei marchi - Retviews by Lectra


All'interno di queste gamme più sostenibili, lo studio sottolinea un forte aumento della presenza di t-shirt nel 2021, ma anche di jeans e pantaloni. Retviews rileva tuttavia “l'assenza degli abiti in cima alle novità di quest'anno, mentre di solito costituivano la categoria più importante. Questo sviluppo potrebbe essere spiegato dal contesto della pandemia di Covid-19. I distributori sembrano concentrarsi maggiormente su categorie di prodotti che sono meno dipendenti dalle tendenze. Un modo per andare sul sicuro?”.

Per quanto riguarda la composizione degli articoli, appare sorprendente che nelle collezioni classiche e sostenibili di questi marchi, l'equilibrio tra materiali derivati ​​dal petrolio e fibre naturali sia abbastanza simile (49% di fibre naturali nelle collezioni classiche, contro il 53% nelle collezioni eco-responsabili).
 
Ma il grado di informazione fornito sugli e-shop varia a seconda dei brand. “Le descrizioni dei prodotti raramente specificano se i polimeri utilizzati siano vergini o riciclati. Questi dati possono quindi essere distorti”, avverte lo studio.

Differenze di prezzo tra classico e sostenibile - Retviews by Lectra


In tema di prezzo, differisce anche il posizionamento delle catene. Il prezzo medio di un capo eco-responsabile di Mango è lo stesso della sua gamma classica (39 euro), mentre è più basso da H&M. Al contrario, il prezzo più comune osservato nelle gamme sostenibili di C&A, Uniqlo e Zara è superiore a quello della loro linea principale.
 
Il tema delle promozioni applicate a queste collezioni si manifesta come un dilemma per i distributori. Sembra che i marchi applichino in media meno sconti su questi prodotti eco-responsabili (34% contro il 45% dell'assortimento per le collezioni classiche), ma non è questo il caso di C&A, ad esempio, che pratica sconti sul 62% della propria offerta green (contro il 50% per la sua gamma classica), né di Mango (49% contro 24%).

Promozioni effettuate - Retviews by Lectra


Retviews ricorda che “sono molte le ragioni che spingono i distributori a praticare sconti. Possono valere per articoli con scarsi risultati e bassa rotazione delle scorte, ma anche per prodotti le cui ottime prestazioni non consentono più di offrire l'intera gamma di taglie (in assenza di rifornimenti)”.
 
Metodologia: I siti commerciali di H&M, Zara, Mango, Uniqlo, C&A, OVS, & other stories, COS, Bershka, Pull & Bear, Celio e Osyho sono stati passati al setaccio in Francia, Spagna, Germania e Regno Unito.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.