×
1 601
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Retail Area Manager Piemonte/Liguria/Lombardia
Tempo Indeterminato · TORINO
ANONIMA
ww Wholesale Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Digital Client Development Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
ORIENTA SPA
General Manager - Bolzano
Tempo Indeterminato · BOLZANO
ANTONIOLI S.R.L.
SEO & SEM Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Sustainability Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
Adnkronos
Pubblicato il
7 apr 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Cina top supplier per la moda italiana

Di
Adnkronos
Pubblicato il
7 apr 2015

Se la Cina rappresenta, per il comparto moda italiano, il maggior fornitore di tessile e abbigliamento, è altrettanto vero che continua a essere un mercato di destinazione delle produzioni Made in Italy in crescita costante e double digit.
In generale, secondo i dati preconsuntivi 2014 diffusi da Sistema Moda Italia, l'export del tessile abbigliamento nel mondo dovrebbe raggiungere il +3,9%, per un valore complessivo prossimo ai 28,5 miliardi di euro.

Foto: Adnkronos


L’import ha cambiato passo, facendo registrare una variazione che a consuntivo dovrebbe essere di circa l'8%. L’effetto combinato dei flussi commerciali in uscita e in ingresso da/in Italia determinerebbe nel 2014 un arretramento del surplus con l'estero; il saldo infatti passerebbe a circa 9,2 miliardi di euro (-3,8%, corrispondente a meno 360 milioni di euro).

Focalizzando l'attenzione sul solo mercato cinese, secondo dati Istat elaborati da Sistema Moda Italia, il saldo commerciale con la Cina nel 2014 è negativo di 193.695 milioni di euro. Il tessile ha visto un incremento dell'import del 9,3% pari a 1 mld e 430 mln di euro (+11,3% in quantità), e un decremento dell'1% a 318 mln (-3,2% in quantità) per un saldo negativo di 125 milioni di euro.
L'abbigliamento moda ha visto invece un aumento delle importazioni del 5,8% a 2 mld e 916 mln (+10,7% in quantità) e pure un aumento delle esportazioni del 19,5% a 555 mln di euro (+6,9% in quantità) per un saldo negativo di circa 69 milioni.

Entrando ancora più nello specifico, le importazioni di filati dalla Cina sono aumentate del 4,6% a 285 mln di euro e le esportazioni hanno segnato +1,9% a 61 mln, per un saldo negativo di 11,5 mln di euro. Il comparto dei tessuti registra a fine 2014 un saldo negativo di 22 milioni con le importazioni in crescita dell'1,5% e le esportazioni in calo del 7%.

Sommando a questi il tessile casa, la maglieria e la calzetteria e altre sottocategoria, il totale mostra un incremento delle importazioni del 6,9% a 4,345 miliardi e un aumento delle esportazioni dell'11,1% a 873 milioni.
Interessante l'outlook sul 2015 (fonte Esportare la Dolce Vita, Csc-Prometeia): in Cina l'import dal mondo dovrebbe attestarsi a 14,17 miliardi, dall'Italia a 1,415 miliardi (a prezzi 2012), cui l'abbigliamento tessile concorrerebbe per 425 milioni di euro.

Guardando al 2019, le importazioni dal mondo in Cina dovrebbero aggirarsi intorno ai 18,5 miliardi (+49,6%) e dall'Italia (+49,6%) essere di 1,8 miliardi. Nel 2019 l'abbigliamento dall'Italia concorrerebbe per 528 milioni di euro (+38,9%).

Copyright © 2021 AdnKronos. All rights reserved.