×
1 375
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
Pubblicato il
16 giu 2015
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Cina: Philipp Plein accusato di razzismo

Pubblicato il
16 giu 2015

Lo stilista tedesco che vive in Italia voleva costruirsi una comunità di seguaci sui social network cinesi. Ma l'esistenza della frase "Fuck You China" sull'etichetta di una sua vecchia collezione è rapidamente tornata d'attualità.

Una delle foto ampiamente condivisesu Weibo


La polemica si è innescata quando Plein ha lanciato il suo account sul social network Weibo. Gli utenti hanno infatti pubblicato la foto di capi lanciati nel 2007, e la cui origine "Made in Europe" era accompagnata dal messaggio-insulto per la “fabbrica del mondo”.

Del resto, se il riferimento all'onnipresenza delle produzioni cinesi a basso costo appare evidente a un consumatore occidentale, lo stesso non vale per clienti cinesi, principalmente fan di marche europee e americane.

Di fronte agli appelli al boicottaggio e alle richieste di scuse, lo stilista Philipp Plein ha risposto che in effetti si trattava di una linea chiamata “Kiss You China”. Il creatore di Amburgo ha assicurato che non era sua intenzione ferire od offendere nessuno. Dal momento della vendita del prodotto incriminato, Philipp Plein ha aperto 10 boutique in Cina, altre 4 dovrebbero seguire.

Questa disavventura sottolinea ancora una volta l'importanza che ha assunto Weibo in Cina, sia per promuovere un brand che per alimentare una polemica. Esperienza già subita nel 2012 dal marchio francese Zadig&Voltaire, quando il suo fondatore Thierry Gillier spiegava che il suo progetto di hôtel non sarebbe stato "aperto ai turisti cinesi".

Matthieu Guinebault (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.