×
1 288
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
ELISABETTA FRANCHI
Digital Marketing Manager
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
FOURCORNERS
Area Manager - Centro Italia
Tempo Indeterminato · ROMA
FOURCORNERS
Direttore Commerciale ww Borse
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
THE ROW
Women's And Men's Footwear Technician
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MALIPARMI
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · ALBIGNASEGO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager
Tempo Indeterminato · MONZA
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
2 set 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Cina: l’industria tessile rischia nuovi lockdown

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
2 set 2022

Alcune delle principali città cinesi hanno introdotto il 30 agosto nuove restrizioni sanitarie per diversi giorni al fine di combattere il coronavirus, nell'ambito della strategia "zero Covid" attuata da Pechino, che mira ad arginare tutti i focolai epidemici non appena si manifestano. Ciò potrebbe portare a potenziali arresti della produzione. Il che, come la scorsa primavera, sta destando preoccupazione a livello internazionale.


Shutterstock


Se il mese scorso le misure di confinamento hanno interessato principalmente le piccole città, un'ulteriore intensificazione o estensione delle restrizioni sta ora colpendo le grandi metropoli. E questa volta la regione di Pechino non viene risparmiata, con quasi quattro milioni di persone confinate nella provincia di Hebei, che circonda la capitale. La città portuale di quest'ultima, Tianjin, questa settimana ha imposto lo screening a 13 milioni di abitanti.
 
Un po' più a est, in un’altra città portuale, Dalian, tre milioni di abitanti sono stati rinchiusi da martedì a domenica. Le restrizioni sanitarie stanno costringendo il personale non essenziale a lavorare da casa e le aziende manifatturiere a ridurre il numero di dipendenti nelle loro sedi. Anche in questo caso, la situazione è seguita da vicino dagli importatori occidentali, ancora segnati dalla congestione dei porti cinesi causata in parte dai confinamenti della scorsa primavera.

Nel sud del Paese, Longhua, un distretto di Shenzhen con 2,5 milioni di abitanti, martedì ha chiuso vari luoghi di intrattenimento e mercati all'ingrosso e ha sospeso i grandi eventi. Una decisione che ha attirato l'attenzione degli compratori internazionali di tessuti e abbigliamento, perché la provincia del Guangdong è un pilastro dell'industria tessile cinese, con una filiera che conta oltre 28.000 produttori ed esportatori.


Shutterstock


Chengdu, una delle metropoli più grandi del centro del Paese, sta affrontando la reclusione di 21,2 milioni di persone. Anche in questo caso, Pechino sta dando la priorità alla sua politica "zero Covid" rispetto ai rischi di rallentamento dell'economia locale. Economia già messa a dura prova dalle restrizioni sanitarie primaverili, oltre che dalle carenze energetiche che hanno segnato l'autunno-inverno 2021/22.
 
Nei fatti, la Cina ha segnalato 1.717 infezioni da coronavirus il 29 agosto, di cui 349 casi sintomatici e 1.368 asintomatici, secondo i dati ufficiali diffusi. A Hong Kong il numero dei casi è in aumento e i consiglieri del governo prevedono di vedere il numero di contagi raggiungere quota 10.000 al giorno questa settimana, suscitando timori per un inasprimento delle restrizioni, solo di recente allentate, in questa zona strategica per le esportazioni via mare.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.