×
1 427
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHAEL PAGE ITALIA
Buyer Retail - Accessori - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Centro Italia - Base Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
PRONOVIAS GROUP
Accounting Manager
Tempo Indeterminato · CUNEO
Pubblicità

Cina: il lusso occidentale di fronte alle trasformazioni digitali

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 12 dic 2019
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

In un momento in cui un terzo della spesa mondiale per il lusso è generata da clienti cinesi, la società di consulenza Mad ha esaminato il graduale adattamento delle case di moda occidentali ai codici digitali e culturali dell’ex Regno di Mezzo. Una "decodifica" della rivoluzione digitale cinese che fa riferimento all'ecosistema tecnologico che circonda i consumatori cinesi di prodotti di lusso, ma anche ai cambiamenti indotti dalla pratica del commercio online e alla trasformazione che ne consegue per i negozi fisici.

La Cina vanta ormai 800 milioni di clienti online - Shutterstock


Uno dei grandi errori del lusso negli ultimi dieci anni è stato tardare nel valutare il posto fondamentale che il digitale occupa fra gli utenti cinesi di Internet (che ormai sono 800 milioni). Dai 18 ai 39 anni per il 70% di essi. Un nuovo errore oggi sarebbe ridurre tale questione ai cosiddetti BAT (Baidu, Alibaba, Tencent), equivalente cinese dei GAFA (ovvero le quattro maggiori compagnie di tecnologia al mondo-Google, Amazon, Facebook ed Apple) che catturano nel loro ecosistema metà delle start-up nazionali.
 
I consumatori cinesi non si accontentano dunque del WeChat di Tencent, sottolinea Mad, che ricorda la crescita di nuovi social network, come TikTok o la rete sociale RED e i suoi 300 milioni di utilizzatori. Il che permette di aggirare una certa concentrazione del mondo digitale cinese, che non è senza insidie per i retailers. Così, Walmart China è stato costretto a non accettare più pagamenti con Alipay, lo strumento di pagamento di Alibaba, dopo aver rafforzato la sua partnership con il suo concorrente JD.com.

Transazioni commerciali che nel 2021 dovrebbero essere effettuate per un quarto su Internet. Una crescita che andrà a beneficio dei marchi di lusso, di questi tempi più a loro agio con l’e-commerce, e che ora mettono nel mirino le città secondarie e terziarie del Paese. Player internazionali come Net-a-Porter e Farfetch devono confrontarsi con la boutique di lusso di JD.com, Toplife, recentemente rilevata da Farfetch, e con il Luxury Pavilion di Alibaba, senza dimenticare Secoo, Mei, e 5Lux.

Shutterstock


Una concorrenza il cui grande vincitore indiscusso è per il momento l’m-commerce, alimentato dai consumatori di 26-35 anni d’età. Ma anche il commercio mobile sta subendo un'importante trasformazione, facendosi social. Questo si traduce per i marchi di lusso in vari mini programmi offerti sull’account WeChat, la creazione di vetrine su RED, e una presenza potenziata su Weibo e Douyin. Louis Vuitton, Gucci, Coach e Burberry si distinguono particolarmente in questo campo.
 
“La questione della governance e della cultura sarà sempre più rilevante se si considera che la Cina diventerà probabilmente il mercato più grande per un certo numero di marchi di lusso globali nei prossimi anni”, per Claire Cauchois, manager di MAD Strategy: “Questa considerazione solleva alcune sfide che qualsiasi organizzazione dovrà affrontare. Qual è il giusto livello di distribuzione degli sforzi in questo contesto? Adattare l'esperienza al gusto dei clienti cinesi e, di conseguenza, riconsiderare l'equilibrio di potere tra Occidente e Oriente? O integrare un team di esperti cinesi dell’universo digitale presso la propria sede occidentale?”.
 
Le domande sono molte e complesse, tanto da portare i marchi a passare dal multicanale e omnicanale al “no-canale”. Un modo di operare senza soluzione di continuità tra i numerosi punti di contatto che il mediatico fondatore di Alibaba, Jack Ma, aveva reso popolare con l’appellativo di “New Retail”, che secondo lui condurrà alla scomparsa della nozione di e-commerce. Ma se la localizzazione un tempo venne giudicata prioritaria rispetto all'esperienza, è quest'ultima che rimarrebbe una priorità per il 64% dei cinesi, secondo Mad. È quindi nella coerenza e nell'autenticità del discorso del marchio che il lusso potrà trovare un'eco nella volontà di differenziazione dei consumatori cinesi.

Shutterstock


“In Cina, l'ecosistema e la cultura digitale forniscono gli ingredienti, ma questi restano in mano ai marchi di lusso, che possono così sfruttare appieno questa ricchezza di informazioni”, riassume Claire Cauchois, per la quale i marchi non potranno affrancarsi dal tenere in considerazione i resi rispediti al mittente dalla clientela cinese. Un fatto che alcune aziende hanno imparato al prezzo di polemiche evitabili.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.