×
1 121
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
4 lug 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Christian Dior: alta moda ispirata all'Albero della Vita

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
4 lug 2022

Alta moda folcloristica da Christian Dior, in una sfilata ispirata all'idea dell'Albero della Vita, il cui risultato è stato una proposta di moda maestosa, rifinita con magie tecniche e ricami superlativi.

Christian Dior - Autunno-Inverno 2022 - Haute Couture - Parigi - © PixelFormula


“Folclore indefinito”, lo ha definito sorridendo la direttrice creativa di Dior, Maria Grazia Chiuri, che ha fatto rivestire le pareti dello spazio espositivo nel giardino del Museo Rodin con enormi muri decorati da ricami, raccolti da molteplici culture e tradizioni artistiche. Ma che ha anche fatto riferimento al lavoro dell'artista ucraina Olesia Trofimenko e al suo focalizzarsi sull'Albero della Vita.
 
Spesso i materiali della collezione erano relativamente semplici – lino grezzo, crêpe di lana leggera e plaid ruvidi – ma la costruzione era intricata e le ricamature di suprema delicatezza.

Il tutto composto da una tavolozza di colori in 40 tonalità di beige – come sabbia, caffelatte, caramello, ecrù – con l’aggiunta di tanto nero. Spesso i capi erano rifiniti con fasce di guipure, motivi geometrici in soutache e bordoni slavi, prodotti facendo appello a molte delle migliori risorse di Parigi, come Lesage nei boleri beige e nei blazer cuciti a mano con motivi di rami, foglie e fiori. 
 
“Dato il contesto attuale, con la guerra alla televisione e la pandemia non ancora finita, penso che tutti dobbiamo chiederci quali siano il significato e lo scopo dell’alta moda?”, ha confidato Maria Grazia, in un’anteprima pre-show nel suo studio sulla Senna.

 


La sua risposta è stata un sorprendente impegno per l'artigianato e gli artigiani specializzati, pur evitando accuratamente qualsiasi sventolamento di bandiere nazionali per particolari abilità regionali.
 
Ecco perché ha scelto il simbolo dell'Albero della Vita, presente in tante culture. Come evidenziato dal suo moodboard, che includeva immagini di magliette olandesi, bluse francesi e illustrazioni di un museo di cultura folk a Kiev.
 
“Celebrare l'artigianato è qualcosa che oggi abbiamo bisogno di fare”, ha affermato Chiuri, che ha anche fatto riferimento al design puro della Bauhaus, che negli ultimi anni ha celebrato il suo centesimo anniversario, e il cui intero ethos si basava sull'idea che artigiani e designer possono svolgere un ruolo vitale in un momento politicamente delicato.
 
La couturière italiana ha anche fatto riferimento al New European Bauhaus, e all'idea del 2020 di costruire una nuova rete continentale di artigiani in questo difficile momento storico. Non diversamente da Monsieur Dior, che fondò la maison Dior subito dopo la seconda guerra mondiale, a partire dal 1946, e che fece sfilare per la prima volta una collezione nel 1947.
 
Una Toccata e Fuga in re minore adeguatamente cupa ha fatto da cornice alla scena, mentre il giovane cast di Maria Grazia transitava a grandi falcate indossando stivaletti vittoriani in rete con lacci, tutti piuttosto compassati e appropriati.

Christian Dior - Autunno-Inverno 2022 - Haute Couture - Parigi - © PixelFormula


L'estetica era improntata ad una sobria eleganza e il messaggio del défilé era il rinnovamento e il ciclo della vita. Quasi ogni look era rifinito con alcuni ricami, anche se non era molto facile ricostruirne l'origine. La silhouette impostata dalla Chiuri era pudica, la pelle molto poco esposta e le gonne terminavano ampiamente lungo la tibia.
 
Secondo Chiuri, motivi e pattern viaggiano attraverso le nazioni, sovrapponendosi nei contatti fra culture, proprio come l'Albero della Vita. Questa era una haute couture sincretica, che toccava molte culture per creare qualcosa di nuovo.
 
Significativamente, anche se Dior è uno dei maggiori marchi di lusso del mondo, il suo moodboard di questa stagione includeva un'immagine della copertina di L’invenzione della tradizione, saggio del grande storico marxista Eric Hobsbawm. La sua teoria è che le tradizioni considerate antiche - come i plaid, per esempio - sono spesso invenzioni molto recenti degli ultimi 200 anni, risalendo in realtà all'inizio dello stato-nazione.
 
In conclusione, è stato salutare assistere a questa collezione della maison Dior, con il suo richiamo visivo al libero scambio di idee e alla fusione di culture e il suo monito estetico contro lo sterile nazionalismo.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.