×
701
Fashion Jobs
CAMICISSIMA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Impiegato/a Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · MERATE
DELL'OGLIO
Resident Seller
Tempo Indeterminato · PALERMO
BRAMA SRL
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
JD SPORTS FASHION PLC
HR & Payroll Advisor - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
OFF-WHITE C/O VIRGIL ABLOH
Franchising Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Network & Security Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
CONFIDENZIALE
Sistemista IT
Tempo Indeterminato · LUGANO
NEIL BARRETT
IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM
Digital Media Manager
Tempo Indeterminato · GALLARATE
FOURCORNERS
Product Marketing Manager - Fragranze
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Logistic And Customer Service Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Developer
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Commerciale Senior
Tempo Indeterminato · CREMONA
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Digital Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
SLOWEAR SPA
Retention Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Omnichannel Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 gen 2020
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Chanel: l'eleganza spirituale dell'austero convento di Aubazine

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 gen 2020

La direttrice artistica di Chanel, Virginie Viard, è tornata alle radici della maison francese per trovare l’ispirazione per questa stagione di Haute Couture, addirittura a prima del tempo in cui Coco immaginava di diventare una designer… risalendo fino all’epoca in cui andava a scuola nel convento del Massiccio Centrale, nelle campagne francesi.

Chanel - Primavera-Estate 2020 - Alta Moda - Parigi - © PixelFormula


E ci porta fino ad Aubazine, un convento in cui Mademoiselle Gabrielle Chanel e le sue sorelle hanno cominciato a studiare nel 1895, in un’abbazia cistercense la cui fondazione risale all’XI secolo. Aubazine, ovvero il luogo in cui Coco imparò a cucire, e dove l’abito nero delle suore pose la prima pietra che avrebbe ispirato la grande idea rivoluzionaria di Chanel: il tubino nero.
 
Fondato dalla Congregazione del Sacro Cuore di Maria per le ragazze povere e orfane, il convento imponeva un regime duro e frugale, dalla disciplina rigida. Ciò si rifletteva nei tagli precisi degli outfit d’apertura: tailleur a quadretti puri, quasi preziosi, tagliati sette centimetri sopra il ginocchio, e indossati con semplici scarpe in pelle verniciata e calzini bianchi da scolaretta; abiti di lana grigio scuri, con tasche, e spalle scapolari; o anche abiti a clessidra pied-de-poule. I migliori erano gli abiti a tromba a grossi quadretti, che svolazzavano alla perfezione all’andatura delle modelle, evocando, per chiunque abbia mai studiato dalle suore, l'ingresso di una religiosa in una stanza.

Gigi Hadid ha ricoperto il ruolo di Madre Superiora, che mantiene rispettato l'ordine nella scuola femminile. Un ruolo per lei naturale, dato il comportamento coraggioso che tenne la scorsa stagione, quando allontanò un’intrusa dalla sfilata del prêt-à-porter di Chanel. Gigi Hadid era tuttavia una capa delle suore particolarmente audace, visto il lungo abito nero con cintura aperto per la sua lunghezza da uno spacco che svelava quasi tutta la coscia.
 
C'erano anche note di Manon delle sorgenti, con una vecchia fontana provenzale in funzione sul set, posta al centro di un chiostro-giardino del convento riprodotto con precisione. Il tutto in un superbo scenario in cui le modelle sfilavano su un pavè che disegnava dei mosaici, con lo stemma dell'abbazia, costituito dalla luna, dal sole e dalle stelle.
 
Però, a differenza delle sorelle del Sacro Cuore, che si vestono di nero, la maggior parte delle top model era vestita di tinte ecrù, bianche o crema. Più come dei Domenicani (non che i membri di questa congregazione siano più rilassati quando si tratta di disciplina, se si pensa al loro ruolo nell'Inquisizione) con i loro lunghi abiti bianchi.

Chanel - Primavera-Estate 2020 - Alta Moda - Parigi - © PixelFormula


Anche il quadrato perfetto del set è stato delimitato in bianco – centinaia di drappi uniti come se fossero stati messi ad asciugare al sole tra i fiori di campo di Aubazine, profumati semplicemente con il sapone del convento.
 
Virginie Viard ha anche giocato sulle vetrate cistercensi della cappella di Aubazine, utilizzandole in una coppia di superbi abiti stampati. I colori di queste vetrate dovevano diventare parte integrante di tutta l'estetica di Coco in materia di accessori, come vediamo oggi con il designer di bigiotteria Goossens, membro dei Métiers d’Art Chanel.
                                                                                                                                                    
Più tardi nella sua vita, quando la moda l'ha resa ricca, Coco costruì La Pausa, la sua villa piuttosto austera nel sud della Francia, al cui progetto integrò una replica della monumentale rampa in pietra di Aubazine, che percorreva ogni giorno fino all'Abbazia.
 
“Ciò che mi è piaciuto immediatamente è che il giardino del chiostro è stato lasciato allo stato selvatico. C'era molto sole. Il posto mi ha fatto pensare all’estate, una brezza con un profumo di fiori. Volevo ricami floreali come un erbario, dei fiori delicati. Ciò che mi interessava di questo scenario era il paradosso tra la raffinatezza della Haute Couture e la semplicità di questo luogo”, ha spiegato Virginie Viard dopo aver visitato Aubazine e La Pausa.
 
Forse non tutti gli esperimenti nei tagli hanno funzionato, con tasche a volte fuori posto che rovinavano la figura, ma è stato formidabile vedere una stilista correre dei rischi, e il lavoro di Virginie Viard riflette una crescente fiducia in sé. Soprattutto nelle creazioni per la sera, con meravigliosi abiti in pizzo plissettati e un sontuoso tubino di pizzo – il tutto completato da stivaletti bianchi con lacci bianchi. E un climax raggiunto con Kaia Gerber, nel ruolo di novizia che aveva trovato l’amore fuori dal convento, nel genere Tutti insieme appassionatamente, e pronta per un appuntamento romantico. Era vestita con un abito di pizzo a campana sormontato da un velo di pura garza nera.

Chanel - Primavera-Estate 2020 - Alta Moda - Parigi - © PixelFormula


“Mi è piaciuta anche questa idea del collegio, della studentessa, delle divise che i bambini indossavano molto tempo fa”, ha precisato Virginie Viard.
 
Ma proprio come le sorelle del Sacro Cuore che aprirono scuole femminili in tutta Europa, questa collezione era in gran parte priva di fronzoli e gioielli. In una parola, una moda che si esprime nel purismo, e l'omaggio più rispettoso che si possa immaginare di fare alle radici di una casa di moda.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.