Chanel investe nel produttore di materiali biodegradabili Sulapac

Chanel ha scelto d’impegnarsi maggiormente nella sostenibilità. Il gruppo francese del lusso, il quale poco tempo fa ha annunciato che non utilizzerà più pellami esotici nelle sue collezioni, ha appena acquisito, attraverso la sua società Chanel Parfums Beauté, una quota della start-up finlandese Sulapac, che ha sviluppato un nuovo materiale, riciclabile in ambiente industriale e totalmente biodegradabile nell’ambiente marino, per combattere l'inquinamento della plastica.

Le confezioni biodegradabili della start-up finlandese - Sulapac

Quest’operazione rientra “nell’ambito delle attività di partnership di Chanel”, precisa il gruppo a FashionNetwork.com, che non intende comunicare la cifra dell’operazione, né l’entità della sua partecipazione. In ogni caso, il deal conferma la crescente attenzione prestata dalla casa di lusso al tema della cura dell’ambiente.
 
“Con i suoi materiali biodegradabili, Sulapac ha implementato una risposta unica ad un importante problema globale, come l'accumulo di plastiche non biodegradabili, e risponde al crescente desiderio dei consumatori di trovare prodotti o imballaggi che rispettino l'ambiente”, sottolinea Chanel Parfums Beauté.
 
“Lo sviluppo dei nostri packaging risponde a un impegno di sostenibilità e già da molti anni integriamo dei criteri ambientali sin dall’ideazione dei nostri prodotti, sviluppando il principio dell'eco-design. Per noi è quindi importante interessarci agli attori che lavorano in questo ambito”, prosegue la società.
 
È ancora troppo presto per comprendere quali tipi di partnership e sinergie potranno svilupparsi in seguito a questo investimento in Sulapac. Ma come ricorda la maison, “abbiamo voglia di vedere cosa proporranno in futuro”. Per il momento, Sulapac, che intende agire per ridurre i rifiuti di plastica, sviluppa solamente scatole e vasetti per contenere prodotti cosmetici, ma in un prossimo futuro comincerà a produrre anche fialette e provette.
 
“I prodotti Sulapac utilizzano un materiale biodegradabile, privo di microplastiche e composto di trucioli di legno certificati FSC, insieme a leganti naturali. Essi hanno tutti i vantaggi della plastica, ma si biodegradano completamente e non rilasciano microplastiche”, precisa Sulapac in un comunicato. “Abbiamo fissato degli standard di altissima qualità per il nostro materiale sostenibile, con l’ambizione di sostituire la plastica, e siamo molto felici di accogliere Chanel tra i nostri investitori”, commenta la CEO e cofondatrice Suvi Haimi.
 
Fondata ad Helsinki nel 2016 da Suvi Haimi e Laura Kyllönen,la start-up ha vinto numerosi premi e lo scorso luglio ha ottenuto la sovvenzione “Horizon 2020” per le piccole e medie imprese dell’Unione Europea. Chanel è il primo attore del settore del lusso e della cosmetica ad entrare nel capitale di Sulapac.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - AltroIndustryInnovazione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER