×
1 107
Fashion Jobs
DELL'OGLIO
Sales Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CLARKS - ASAK & CO. S.P.A.
Addetta/o Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · BUSSOLENGO
CONFIDENZIALE
Autista di Direzione (Driver)
Tempo Indeterminato · MILANO
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Impiegato/a Back Office Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
FOURCORNERS
Brand Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
4 dic 2020
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Chanel ha svelato la collezione Métiers d'Art al Castello di Chenonceau

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
4 dic 2020

Caterina de’ Medici e Coco Chanel si sono date appuntamento giovedì sera a Chenonceau. Le due regine si sono incontrate sulla passerella dell'ultimo défilé Métiers d'Art di Chanel, messo in scena nel famoso castello.

Chanel - Métiers d'Art 2020/21 - Foto: Chanel


Questa cerimonia di nuovo tipo ha mescolato il fascino e l'eleganza di Gabrielle Chanel con lo stile sgargiante dell'autoritaria Caterina de’ Medici.
 
Causa pandemia, lo show si è svolto senza pubblico nello scrigno di Chenonceau, un castello rinascimentale che si staglia maestosamente sullo Cher, un affluente della Loira. Le quasi 50 modelle occupavano l'intero volume della lunga galleria principale, sfilando sui pavimenti in marmo dalle piastrelle bianche e nere.

Almeno metà della collezione era declinata in nero, l'unico colore che Caterina indossava dopo la morte di suo marito, il re Enrico II, deceduto durante una giostra cavalleresca nel 1559. Un evento tragico, che la rese l'unica donna ad aver mai governato la Francia, in una reggenza che durò più di tre decenni, prima che tre dei suoi figli salissero al trono.
 
Il suo gusto per i top a rete, le mantelle sovrapposte color antracite, i vestiti voluminosi e le piume di gallo è stato pienamente espresso in questa collezione impressionante. Due icone della femminilità contemporanea hanno aperto e chiuso la sfilata. Al termine dello show, Virginie Viard, l’ultima designer a succedere a Coco Chanel, ha salutato tutti con tranquillità, indossando pantaloni da marinaio e un cardigan con la zip, sotto l’occhio attento di una regina di Hollywood in carne e ossa, Kristen Stewart, anche lei tutta in nero, che indossava pantaloni borchiati, un maglione e una collana con diverse file di perle, firma dello stile Coco Chanel.
 
Virginie Viard fa pieno uso dell'abilità delle sue manine, che sono riusite a confezionare giacche da biker in pelle cerata con maniche ricamate di cristalli, e collari di perle che potrebbero essere adatti alla corte di Caterina de’ Medici — o al red carpet di un festival del cinema.

Chanel - Métiers d'Art 2020/21 - Foto: Chanel


Coco Chanel è sempre stata ossessionata da Caterina de’ Medici, di cui ammirava la potenza e la forza di volontà, nonostante il fatto che, come Coco, Caterina fosse rimasta orfana appena un mese dopo la sua nascita. Mentre i genitori adottivi di Coco Chanel erano commercianti molto modesti, Caterina de’ Medici poteva vantarsi di avere un papa, Leone X, come zio paterno.
 
Suo marito, re Enrico II, aveva offerto Chenonceau alla sua favorita, Diane de Poiters. Dopo la tragica morte del sovrano, Caterina espulse la rivale e fece del castello la sua residenza preferita. Una certa audacia amorosa era evidente anche nei leggings della collezione, indossati con redingote allungate e giacche a quattro tasche, emblematiche della maison parigina. E ancora di più nei mini shorts sparsi per la collezione, talvolta indossati con giacche classiche.
 
Capelli sciolti, ciocche ribelli, molte capigliature erano adornate da perle. Sospettiamo che Diane avrebbe apprezzato questa collezione tanto quanto Caterina — che sarebbe stata doppiamente deliziata davanti a tutte queste doppie C. Curiosamente, lo stemma intrecciato della regina, visibile sulle facciate del castello, è quasi esattamente uguale a quello della maison. Ma il suo sangue blu ha autorizzato Caterina de Medici a decorare il suo con una corona...
 
Si è trattato della diciannovesima collezione Métiers d'Art, un concept di moda unico, immaginato dal compianto Karl Lagerfeld nel 2002.
 
Una collezione descritta come un omaggio al savoir-faire francese, un dialogo ininterrotto tra la casa parigina e il piccolo esercito di artigiani che lavorano per decine di fornitori riuniti all’interno del gruppo Paraffection, fondato e controllato da Chanel. Reggimenti di ricamatori, produttori di piume, confezionisti, calzolai, cappellai e guantai, situati in Francia, Scozia e Italia, hanno lavorato a questi abiti e accessori, realizzando una collezione affascinante e contemporanea che sfugge alle idee letterali con grande abilità.

Chanel - Métiers d'Art 2020/21 - Foto: Chanel


Ogni collezione Métiers d'Art viene presentatata all’inizio di dicembre, un’occasione speciale al di fuori di qulsiasi calendario ufficiale — e tradizionalmente l’ultimo grande défilé dell’annata. Tutti si concentrano su una destinazione o un personaggio storico: dall'imperatrice Teodora a Ravenna fino a una regina Maria Stuarda punk rock a Edimburgo.
 
Paraffection oggi impiega più di 6.600 persone, che sono al servizio della creatività non solo di Chanel, ma anche di molte altre grandi case di moda in Francia e altrove. L'anno prossimo, un nucleo di 11 case artigianal-artistiche andrà a risiedere al 19M, un gigantesco edificio progettato da Rudy Ricciotti, che ospiterà 600 artigiani su 25.500 metri quadrati a nord di Parigi.
 
Un trasferimento che Caterina de’ Medici, umanista, collezionista d'arte e appassionata di architettura, avrebbe sicuramente approvato.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.