×
1 557
Fashion Jobs
FOURCORNERS
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Compliance And Testing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
ww Distribution Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Project Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Digital Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
MANPOWER PROFESSIONAL
Expansion Manager Franchising
Tempo Indeterminato · CESENA
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
6 ott 2020
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Chanel: da Parigi a Los Angeles con una moda da moderna star del cinema

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
6 ott 2020

Glamour da star del cinema da Chanel, ma per apparire favolose nella vita quotidiana e non solo sul red carpet, in una sfilata tenutasi martedì all'interno del Grand Palais, l'ultimo giorno della Settimana della Moda di Parigi, durata nove giorni.

Chanel - Primavera-Estate 2020/21 - Parigi - Foto: FashionNetwork.com


La stilista Virginie Viard ha manifestato le sue intenzioni in un brillante video teaser in bianco e nero girato dal duo di fotografi olandesi Inez van Lamsweerde e Vinoodh Matadin, diffuso la sera prima dello spettacolo. In una straordinaria esposizione di modelli 3D e droni, la coppia di creativi ha sostituito la famosa insegna di Hollywood con il nome di Chanel, e ha trasferito il Sacré Coeur e la Torre Eiffel a Los Angeles. Quindi ha montato in clip iconiche dei classici film della Nouvelle Vague, da Fino all’ultimo respiro a La piscina, con apparizioni di Romy Schneider, Anna Karina e Jeanne Moreau– legando con grande arguzia il marchio a quella Fabbrica dei Sogni che è il cinema.
 
Il video era chiamato Lights, Camera, Action! e il momento cinematografico è continuato nello show al Grand Palais. Quando gli ospiti sono arrivati hanno trovato una versione gigante dell'insegna Chanel illuminata da mini lampadine che svettava per 20 metri d’altezza verso il gigantesco tetto di vetro.

Anche nel bel mezzo della pandemia, Chanel ha attirato alcune star del cinema e leggende del rock, da Isabelle Adjani e Marion Cotillard a Lily-Rose Depp, Anna Mouglalis e Charlotte Cardin, fino a Vanessa Paradis e Sébastien Tellier.
 
C'era un'aria sbarazzina in questa stagione di Chanel, soprattutto con il tipico abito firma della casa. Abiti bouclé in lana rosa chewing gum, ma portati con culotte; classici abiti Chanel, anche se rifiniti - all'esterno - con catene d'oro, con le loro gonne corte aperte su un fianco. La cosa migliore di tutte: una versione della giacca maschile color rosa abbinata a un gilet doppiopetto. Come tanti altri look, erano abbinati a pantaloncini a metà coscia.
 
Da star del cinema a rocker: con un micro giaccone in pelle nera, rifinito con mega logo argentato di una doppia 'CC' sulle maniche; oppure con una giacca lunga bianca, perfetta per Ibiza, su un mini reggiseno con una gonna recante la scritta “Chanel Girls”. Ciò che ha funzionato molto bene sono stati gli abiti da sera con spalle scoperte tagliati di sbieco o alcuni vestiti di seta a trama fitta con motivo a garofano, che aggiungevano un tocco di classe impertinente.
 
Il cast è apparso con vaporose retine per capelli; occhi fumo di Londra; infiniti orecchini di perle; cinture e catene di perle; micro pochette in pelle metallizzata.
 
“Visto che sarà l'ultima sfilata al Grand Palais per un bel po’ di tempo, ho voluto rendere omaggio a tutti i grandi e spettacolari show che Chanel e Karl Lagerfeld hanno messo in scena qui negli ultimi 20 anni. In più, Gabrielle Chanel e Karl hanno vestito così tante star del cinema nel corso degli anni, ma nella loro vita quotidiana e non solo per il grande schermo!”, ha spiegato Virginie Viard, mentre le sue mani indicavano l'enorme insegna di Chanel.

Chanel - Primavera-Estate 2020/21 - Parigi - Foto: FashionNetwork.com


Il Grand Palais deve chiudere mentre la città ne effettuerà una vasta ricostruzione delle fondamenta, che si sono progressivamente indebolite a causa della sua posizione sulle rive della Senna.
 
In soli 18 mesi, a partire dalla morte di Lagerfeld, Viard ha iniettato in Chanel un tocco di giovinezza ben definito. Decisamente, la sua nuova signora Chanel è molto più una brava ragazza di una gran dama. Bene così.
 
Alla domanda su questo, Viard ha risposto: “Non è che ho deciso di essere più giovane, o di vestire una ventenne piuttosto che una cinquantenne; affatto. Voglio invece che Chanel sia molto indossabile. Con Karl hai una dichiarazione molto chiara, dove il messaggio è molto chiaro. Mentre quando guardo un completo, mi chiedo, [la donna Chanel] vorrà indossare quel look?”, ha sorriso Virginie Viard.
 
È stata una settimana molto impegnativa per la casa di moda francese. Mercoledì scorso ha inaugurato una grande retrospettiva sulle abilità creative della sua fondatrice, “Gabrielle Chanel: Fashion Manifesto” nel Museo Galliera a Parigi, mentre a Londra avrebbe accettato di pagare circa 310 milioni di sterline per diventare proprietaria del palazzo che ospita il suo flagship su Bond Street, la via dello shopping più costosa della capitale del Regno Unito.
 
Prossima tappa: Viard porterà la collezione Métiers d’Art di Chanel a Chenonceau, il castello della Bella Addormentata sulla Loira. Che non è proprio come si descriverebbe la Chanel contemporanea, che è ben sveglia.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.