×
1 615
Fashion Jobs
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain - Demand Planning Emea
Tempo Indeterminato · FIRENZE
JIMMY CHOO
Stock Controller Incluse Categorie Protette l. 68/99
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
LUCA FALONI SRL
Full Time - Responsabile Magazzino e Coordinatore Ordini Online
Tempo Indeterminato · BERGAMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Marketing And Communication Manager - English And French
Tempo Indeterminato ·
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Analista di Processi Finance & Controlling
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Senior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Illuminazione - Design
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Head of Operations
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Lavorazioni Intermedie
Tempo Indeterminato ·
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Coordinatore di Magazzino - Department Store
Tempo Indeterminato · PALERMO
PARIS TEXAS
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MONZA
VICE VERSA SRL
Wholesale Area Manager For Local And Int. Markets
Tempo Indeterminato · MILANO
MANPOWER SRL
Business Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Media Strategist, Native Content & Affiliates
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Responsabile Sviluppo Franchising - Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Talent Acquisition Partner
Tempo Indeterminato ·
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
19 feb 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Century 21 riparte dalla Corea del Sud

Di
Ansa
Pubblicato il
19 feb 2021

Century 21 riparte, ma per le tante Carrie Bradshow a caccia di un capo griffato a prezzo di sconto la meta del desiderio sarà la Sud Corea: "L'espansione internazionale in Asia, ma non limitata all'Asia, è sempre stata parte dei nostri piani strategici a lungo termine", ha detto il presidente del colosso del discount in bancarotta, Marc Benitez, annunciando a Wwd il progetto di aprire in autunno a Busan, la seconda città per popolazione dopo Seul, il primo negozio dopo l'uscita dal Chapter 11.

Century 21 - Ansa


Century 21 era morto di Covid in settembre. La popolare catena di grandi magazzini discount che per 60 anni aveva deliziato fashioniste di tutto il mondo con la possibilità di scovare nel suo sterminato inventario capi superscontati di Prada, Chanel, Versace aveva gettato la spugna a causa della pandemia dopo essere sopravvissuta all'11 settembre che aveva danneggiato e costretto temporaneamente alla chiusura il suo flagship del World Trade Center e all'ascesa dell'e-commerce.

Il coronavirus era stato il colpo di grazia: alla fine dell'estate la società aveva liquidato i suoi 13 punti di vendita a New York, in Florida e in Pennsylvania licenziando centinaia di persone. Ora però, e "con prudenza", gli eredi dei fondatori Sonny e Al Gindi si sono assicurati la licenza per aprire un negozio su nove piani nella città della Corea del Sud. Dovrebbe seguire a un certo punto un nuovo negozio a New York ma per il momento i piani della società si concentrano all'estero, in regioni rimaste finora relativamente al riparo dalla pandemia, oltre che nel rilancio del sito online.

I Gindi avevano dato la colpa, nella richiesta di bancarotta, agli assicuratori che non aveva sostenuto la società durante la chiusura forzata la scorsa primavera-estate. In dicembre, con l'aiuto di un investitore privato, la famiglia aveva ricomprato per 9 milioni di dollari la proprietà intellettuale del marchio dopo un'affollatissima asta partita da 800mila dollari.

Meta di turisti da tutto il mondo e newyorchesi alla ricerca di affari, la storia di Century 21 è legata a doppio filo con la famiglia dei fondatori. Samuel "Sonny" Gindi era un ebreo siriano rimasto orfano bambino e che a soli 14 anni aveva aperto il suo primo negozio al dettaglio. Il primo Century 21, fondato con il fratello Al, era sulla 86esima strada di Bay Ridge, il quartiere di Brooklyn teatro della Febbre del Sabato Sera, seguito nel 1961 da quello su Cortland Street diventato negli anni il negozio ammiraglio citato da Sarah Jessica Park in Sex and the City come "l'aspetto migliore del jury duty": il paradiso delle Manolo discount era a pochi passi dalla sede dei tribunali di Manhattan.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.