×
1 407
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
SIDLER SA
Jersey Product Manager / Luxury Brand / Ticino
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
OTB SPA
E-Commerce Accounting Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
MIA BAG
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
STELLA MCCARTNEY
Health, Safety & Environment Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Marketing & E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · BOLZANO
VALENTINO
Compliance & Sustainability Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
UMANA SPA
IT Manager
Tempo Indeterminato · VENEZIA
HERMES ITALIE S.P.A.
Internal Audit Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci_Industrial Controller
Tempo Indeterminato ·
MICHAEL PAGE ITALIA
Direttore Marketing
Tempo Indeterminato · ROMA
AFS INTERNATIONAL SRL
Direttore Marketing
Tempo Indeterminato · POMPEI
NUOVA TESI
Coordinatrice di Campionario Maglieria Donna
Tempo Indeterminato · REGGIOLO

Cédric Charbit (Balenciaga): “Far parte del portafoglio di Kering ci consente di impegnarci”

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 20 nov 2019
Tempo di lettura
access_time 4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Originario di un piccolo villaggio dei Paesi Baschi spagnoli, Cristobal Balenciaga probabilmente sarebbe stato in qualche modo sconcertato dalla nozione di “brand engagement”. O dagli indicatori di popolarità del suo omonimo marchio sui social. E anche dai nuovi impegni sociali e ambientali dell'azienda, che servono da pietre miliari per costruire il suo futuro a partire dall’heritage Haute Couturelasciato in eredità dallo stilista spagnolo. Durante il suo intervento al Vogue Fashion Festival della scorsa settimana, il CEO di Balenciaga Cédric Charbit, entrato in carica nel novembre del 2016, ha analizzato l'essenza di questa casa di moda senza compromessi. Quale futuro riserva Kering a questo marchio storico?

Olivier Nicklaus s'intrattiene con Cédric Charbit, il CEO di Balenciaga - Vogue Fashion Festival


“Sono tre anni che Balenciaga è ben posizionato nella classifica di Lyst”, indica contento il dirigente, orgoglioso di questa consacrazione della popolarità del suo marchio. Balenciaga sta vivendo un momento d’oro, iniziato con la rivoluzione condotta da Demna Gvasalia, direttore creativo di Balenciaga dall’ottobre del 2015, approdato in azienda dopo passaggi da Maison Margiela e Louis Vuitton. Isabelle Guichot, la CEO di Balenciaga dell’epoca, aveva affermato a quel tempo che la maison “voleva una persona dotata di una visione, in grado di rimescolare le carte”. Nel frattempo, ha lasciato il marchio per andare a guidare Maje, ma non si sbagliava.
 
“Il miglior consiglio che abbia mai ricevuto è stato Demna Gvasalia a darmelo: siamo intrepidi!”, sorride Cédric Charbit. Lo stilista è stato in particolare il creatore di Vetements, un progetto dedicato all'umorismo acido che ha abbandonato a settembre, sentendo di aver “portato a termine la sua missione”.

Ma Gvasalia continua le sue azioni sovversive da Balenciaga, con grande soddisfazione del direttore generale, che cita soprattutto il logo della maison, reinterpretato nella seconda sfilata maschile di Demna Gvasalia ed esplicito riferimento alla campagna presidenziale statunitense di Bernie Sanders. Charbit parla anche dell'alleanza con l'organizzazione World Food Programme e della campagna invernale 2019, che mette sotto i riflettori delle “coppie reali”. “Da quando la nostra casa di moda gode di una visibilità immensa, Demna Gvasalia vuole utilizzare tutte le piattaforme possibili per veicolare dei messaggi”, riconosce Cédric Charbit, il quale aggiunge che il fatto che il marchio “faccia parte del portafoglio di Kering non è privo d’importanza e significato. Questo è ciò che ci consente di impegnarci”.

Sfilata maschile Autunno-Inverno 2017 e campagna invernale 2018 con il World Food Programme - Balenciaga


In effetti, il gruppo del lusso partecipa all’iniziativa del Fashion Pact; pertanto, parlare della questione dell'ambiente sembra inevitabile. “Questo gruppo è molto attivo nel campo dello sviluppo sostenibile e ciò rappresenta un'opportunità per fare le cose in modo diverso. Non ci viene imposto, ma rende la sfida molto più interessante”, sottolinea Cédric Charbit. Il dirigente insiste anche sul ruolo essenziale e la forza propositiva di François-Henri Pinault, il presidente e direttore generale del gruppo. Una filosofia che si applica anche alle sfilate.
 
“La nostra ultima presentazione è stata la più sostenibile della nostra storia”, afferma soddisfatto il dirigente. “I 6.500 metri quadrati di velluto blu sono stati riciclati, così come i 2.500 metri quadrati di moquette. Le luci sono state cedute a un'azienda che le ha noleggiate per 3 anni. Abbiamo fatto tutto quanto era in nostro potere per ridurre al minimo l'impronta sull’ambiente di questa sfilata”, dichiara. Charbit ha voluto anche sottolineare l’eterogeneità dell’evento. “L'età media dei partecipanti alla sfilata era di 28 anni. Tra le persone salite in passerella, alcune avevano altri mestieri, come l’addetto alla manutenzione o il venditore”, puntualizza.
 
“Negli ultimi anni, il numero di dipendenti Balenciaga nel mondo è quasi raddoppiato. Oggi impieghiamo 2.200 lavoratori”, annuncia Cédric Charbit, che torna sulle priorità dell’azienda. “Da Balenciaga, le nostre azioni principali consistono nell’incoraggiare la parità di genere, il diritto di staccare la spina e degli stipendi dignitosi”, rivendica.
 
Il CEO va particolarmente fiero della rappresentanza della donna nella sua società. “Nel settore della moda, abbiamo la fortuna di beneficiare della parità a favore delle donne, e ciò viene rispecchiato in modo particolare da Balenciaga. Abbiamo il 70% di donne e il 30% di uomini, che è un po’ sbilanciato, ma ci va molto bene. Il comitato esecutivo è composto per l'80% da donne e il 20% da uomini. È importante tenere presente la questione dell'equilibrio di genere nelle équipe. Soprattutto per le posizioni dirigenziali, gli incarichi di responsabilità”, sostiene.

Balenciaga - Primavera-Estate 2020 - Collezione donna - © PixelFormula


“Non voglio vendere Balenciaga come un marchio modello, ma è importante parlare dei progetti a cui stiamo lavorando”, precisa il CEO. Senza perdere di vista la necessità “di essere umili e cercare di rimanere sulla strada giusta”. E questo percorso è ancora lungo per Balenciaga? In ogni caso, ci sono alcune tappe da raggiungere prima di diventare esemplari: “Nel 2019, in Balenciaga c'era ancora un 4% di dipendenti donne con pari livello di esperienza, capacità e prestazioni, che guadagnavano meno delle loro controparti maschili. [...] Una grave incoerenza, che abbiamo corretto. Garantire la parità di retribuzione è parte integrante dell’impegno che attuiamo nei confronti dei nostri collaboratori per il futuro”.
 
Fondamentalmente, il suo arrivo tre anni fa andava già in questa direzione, ricorda. “Sono un leader giovane. Questo è un buon posto di lavoro. All'inizio mi sono sentito gratificato da questa nomina. Ma rapidamente mi sono reso conto della pressione che tale responsabilità generava. Poi ho iniziato a vedere un'opportunità per cambiare il percorso del marchio e di andare più lontano in termini di impegno, per integrarlo più profondamente nell’epoca in cui viviamo”, si entusiasma in conclusione.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.