×
1 248
Fashion Jobs
DOLCE & GABBANA
Sales Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENCIAL
Cost Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Commerciale/Export
Tempo Indeterminato · ROMA
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
9 nov 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Carlo Capasa (CNMI): “La filiera italiana della moda va tutelata, è un valore per l’intera Europa”

Pubblicato il
9 nov 2022

Intervenuto il 9 novembre a Milano nel corso dell’annuale Fashion Summit Pambianco-PwC, che in questa edizione ha affrontato il tema del ruolo dell’Italia nel nuovo sistema moda mondiale, il Presidente di CNMI Carlo Capasa ha posto l’accento sull’importanza della filiera produttiva della moda nel nostro Paese e sulle sfide che dovrà affrontare nel prossimo futuro.


Carlo Capasa sul palco del Fashion Summit Pambianco-PwC - Photo: FNW/Laura Galbiati

 
“Negli ultimi anni è cambiato il paradigma: in passato la filiera era vissuta quasi come in contrapposizione ai brand, che a partire dal 2007/2008 hanno cominciato a rivolgersi all’estero per le loro produzioni”, ha affermato Capasa. “Poi si sono verificati alcuni fenomeni, che sono stati accelerati dalla pandemia. Innanzitutto, siamo diventati più consapevoli del valore della sostenibilità e dell’alta qualità, scoprendo che il consumatore è disposto a pagare di più per prodotti che abbiano un contenuto sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale. Inoltre, le difficoltà logistiche degli ultimi anni hanno stimolato un fenomeno di reshoring naturale”.
 
Capasa però ha anche evidenziato alcune debolezze della filiera italiana, composta da 600mila addetti per 60mila aziende, che sono quindi per la maggior parte molto piccole, familiari e a volte sottocapitalizzate.

“Tutti gli attori coinvolti stanno cercando di tutelare la filiera. Camera Moda come associazione, ad esempio collaborando con Confindustria e Confartigianato, ma anche i grandi brand, garantendo con le banche per consentire alle piccole imprese di accedere ad aiuti finanziari, acquisendo realtà o entrando con quote minoritarie nel capitale di queste imprese, cercando sempre di preservare l’imprenditorialità che le ha create. Accolgo con favore i poli produttivi che si stanno creando in Italia, come Gruppo Florence, Pattern o HIND”.
 
Anche l’Europa, però, deve fare la sua parte, sottolinea il Presidente: “L’Italia rappresenta il 46% della produzione moda europea, seguita dalla Germania con l’11%. Siamo quindi un valore reale per l’intera Europa, insieme ai francesi, che come noi difendono l’alta qualità. Non dimentichiamo che l’Italia è l’unico Paese che dispone di una filiera moda completa, insieme alla Cina, che però fa un tipo di produzione diversa; il percorso verso la sostenibilità che abbiamo intrapreso è quello che ci differenzia”.
 
Due le azioni necessarie per superare le nuove sfide, secondo Capasa: “Spesso l’Italia non è consapevole del valore che rappresenta, dobbiamo diventare più europei, essere meno protettivi a livello locale e valorizzare quello che facciamo; d’altra parte, le nostre grandi aziende sono multinazionali, esportano in tutti i Paesi. Inoltre, dobbiamo tutelare il valore creativo della nostra impresa e il valore delle nostre persone, lavorando sulla formazione in maniera corretta: oggi abbiamo una carenza significativa di alcune figure e le aziende sono costrette a formare la forza lavoro internamente”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.