×
1 582
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Leather Goods Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato ·
DELL'OGLIO
HR Generalist
Tempo Indeterminato · PALERMO
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
C.P. COMPANY
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
15 apr 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Canada Goose fissa al 2025 il completamento della sua transizione ecologica

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
15 apr 2021

A fine 2020, Canada Goose presentava il parka “Standard Expedition”, progettato e prodotto con l'obiettivo di ridurre il suo impatto sull’ambiente. Realizzato con tessuti, fodera e finiture riciclati e non tinti, con piuma al 100% di provenienza responsabile e con pelliccia riutilizzata, il nuovo parka vantava un 30% di emissioni di anidride carbonica in meno durante la produzione rispetto alle versioni precedenti.

Nei laboratori di Canada Goose in Canada - Canada Goose


Oggi si scopre che il lancio di quel prodotto rappresentava molto più di una mera mossa di marketing indirizzata a una clientela sempre più interessata alle questioni ambientali. Il marchio canadese, esperto nella realizzazione e produzione di abbigliamento e attrezzature per affrontare il freddo polare, ha deciso di trasformare la propria organizzazione in questa direzione.
 
Dopo aver avviato un primo rapporto di sostenibilità nell’aprile del 2020 e creato una piattaforma digitale, chiamata Humanature, il marchio, fondato nel 1957 e quotato alle Borse di Toronto e New York, sembra aver deciso di investire molto concretamente in questo settore.

Pertanto, in occasione della pubblicazione del suo secondo report di sostenibilità, il 15 aprile ha annunciato di aver raggiunto precisi obiettivi in ​​termini di emissioni di anidride carbonica e dichiara di puntare a zero emissioni nette entro la fine del 2025. Canada Goose ha quindi aderito alla label Bluesign, che mira a convalidare un approccio responsabile e un processo di progresso nella produzione dei materiali, sia in termini di risorse umane ed emissioni di CO2 che di sostenibilità del prodotto. Realtà come Osprey, Columbia, Burlington o Salomon sono coinvolte in questo approccio.
 
Mentre per decenni la preoccupazione dei gruppi di abbigliamento per le attività all’aria aperta si è concentrata sulla tecnicità dei loro prodotti, essi oggi stanno anche riscontrando l’urgenza di cambiare i propri processi produttivi verso pratiche più rispettose dell'ambiente.
 
Il team di Canada Goose, manifesta, sotto la guida di Gavin Thompson, vicepresidente della cittadinanza aziendale, il desiderio di raggiungere nuovi obiettivi responsabili. “Sono rimasto colpito dall'impegno dei nostri team e dai progressi compiuti”, ha spiegato il dirigente in una conferenza. “Abbiamo fissato nuovi obiettivi. Stiamo lavorando per avere soluzioni sostenibili per il 100% dei nostri imballaggi entro il 2025, con l'idea di eliminare gradualmente la plastica monouso. Puntiamo inoltre a includere il 90% dei materiali utilizzati entro tale data in ciò che chiamiamo fibre e materiali preferiti o PFM (Preferred Fibres & Materials). Nel 2020, eravamo al 45% del nostro approvvigionamento”.

I laboratori Canada Goose in Canada - Canada Goose


Questi PFM sono alternative sostenibili ai materiali convenzionali, per la maggior parte convalidati con Bluesign, e riguardano, ad esempio, cotone GOTS o poliesteri e nylon riciclati.
 
Canada Goose, che indica di allinearsi agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, dal 2019 ha compiuto progressi anche sulla componente pelliccia, con lo sviluppo di uno standard sulle pellicce recuperate e l'obiettivo di porre fine all'acquisto di nuove pellicce entro il 2022. L'etichetta mira a ottenere la certificazione Responsible Down Standard (RDS) entro la fine del 2021.
 
Parallelamente, Canada Goose vuole sviluppare l’ecodesign: “Stiamo mettendo in atto gli strumenti per sviluppare rapidamente il nostro sourcing” spiega Niamh McManus, direttrice del design, che porta avanti anche un modello circolare. “La supply chain è un'organizzazione complessa, ma stiamo lavorando con attori come Textile Exchange per identificare le opportunità e passare rapidamente alla trasformazione”.
 
Gli ultimi capi concepiti da Angel Chen e presentati questa settimana a Shanghai non hanno ancora beneficiato di questi ultimi sviluppi. La sfida per il marchio sarà quindi quella di portare tecnicità e stile concretizzando nel contempo questa trasformazione rapida.
 
In effetti, dove la maggior parte degli impegni dei firmatari del Fashion Pact hanno fissato l'orizzonte del cambiamento al 2050, il brand canadese, che ha raggiunto nel corso dell'esercizio chiuso a marzo 2020 un fatturato di 614 milioni di euro, in crescita di oltre il 15% rispetto all'anno precedente, ha il merito di impegnarsi a porre l’asticella a meno di cinque anni da oggi.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.