Canada Goose: utili sopra le aspettative, a Jonathan Sinclair di Jimmy Choo andrà il ruolo di CFO

Il produttore di cappotti di lusso Canada Goose ha registrato un balzo degli utili del 61% nel terzo trimestre, superando le stime degli analisti e beneficiando del piano di investimenti in e-commerce e negozi di proprietà.

Le vendite dirette sono cresciute dell'83% a 131,6 milioni di dollari canadesi (85,3 milioni di euro) - Photo: Canada Goose
 
Contemporaneamente, la società ha nominato Jonathan Sinclair, direttore finanziario presso il retailer di calzature di lusso Jimmy Choo, suo nuovo responsabile finanziario.
 
Sinclair approderà da Canada Goose all’incirca a metà anno, sostituendo John Black, che andrà in pensione.
 
Nonostante una forte performance nel trimestre, le azioni della società sono calate insieme ai più importanti mercati globali, diminuendo del 18% a quota 39,56 dollari canadesi (25,67 euro). Anche le azioni quotate negli Stati Uniti sono calate.
 
Canada Goose ha dichiarato che il risultato netto di gestione è aumentato a 62,9 milioni di dollari canadesi (40,8 milioni di euro) o 56 centesimi (36 centesimi di euro) per azione nei tre mesi terminati il 31 dicembre, dai 39,1 milioni di dollari canadesi (25,4 milioni di euro) o 38 centesimi (25 centesimi di euro) per azione dell’anno precedente.
 
Su base rettificata, la società ha guadagnato 58 centesimi canadesi (38 centesimi di euro), superando le stime di 49 centesimi (32 centesimi di euro) riportate da Thomson Reuters I/B/E/S.
  
“Sempre più persone oggi guardano al segmento outerwear come ad una parte preponderante del loro guardaroba. Introducendo oltre 30 nuovi stili nella nostra collezione autunno-inverno, stiamo intercettando con successo questa richiesta”, ha dichiarato il CEO Dani Reiss in una call con gli analisti.
 
I margini dei negozi e delle vendite online sono stati pari al 76,4% nel trimestre, rispetto ai margini lordi del 51% del canale wholesale.
 
I ricavi sono cresciuti del 21% a 265,8 milioni di dollari canadesi (172,3 milioni di euro). Quelli derivanti dalla vendita diretta al cliente di quasi l’83% a 131,6 milioni (85,3 milioni di euro), guidati dai nuovi negozi di proprietà e dai siti di e-commerce.
 
Fondata nel 1957, Canada Goose ha storicamente distribuito i suoi prodotti attraverso punti vendita multimarca, ma nel 2016 ha iniziato ad aprire negozi di proprietà, puntando sull’etichetta di lusso e focalizzandosi su e-commerce e mercati internazionali.
 
La società, che vende i suoi parka a 900 dollari l’uno, stima di realizzare fino a 20 nuovi opening nel mondo entro il 2020. Dal 2016 ha già aperto negozi a Toronto, New York, Chicago e Londra. Inoltre, Canada Goose è presente con 11 store online tra Nord America ed Europa.

© Thomson Reuters 2018 All rights reserved.

Lusso - Prêt à porter Lusso - AltroBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER