×
1 786
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Head of Production
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Site Management Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising & Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
PATRIZIA PEPE
Digital Adversiting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Business Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
CONFIDENZIALE
IT Help-Desk
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
International Key Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
CRM Manager, Fashion Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
23 feb 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Calzolari, non solo collezione ma battaglia ambientale

Pubblicato il
23 feb 2022

"La mia nuova collezione si chiama Ecomachìa. Il termine (che potremmo tradurre con battaglia ambientale, dal greco οἶκος “casa/ambiente” e μάχη “battaglia”) è stato coniato da due studiosi americani, Robert Markley e Molly Rothenberg, per rappresentare, e superare, il classico contrasto tra cultura e natura, società e ambiente: una concezione binaria nata nel XVIII secolo e a loro avviso inadeguata di fronte alla complessità dell’ecosistema in cui viviamo. Non hanno più senso le descrizioni idealistiche della Natura come intrinsecamente armoniosa: gli esseri umani - come tutti gli organismi - sono implicati nella costruzione della natura e, inevitabilmente, anche nella sua contaminazione e distruzione", così Gilberto Calzolari definisce le sue proposte per il prossimo inverno, in calendario a Milano Moda Donna.


Per Calzolari, che ha vinto il Green Carpet Award come Best Emerging Designer nel 2018, oggi non non è più tempo per idealismi, ma di essere consapevoli che tutto ciò che facciamo genera sprechi.

"Da due anni abbiamo vissuto una specie di guerra, e - dice Gilberto - non ne siamo ancora usciti. In questo scenario che ha cambiato tutte le nostre abitudini e le dinamiche del vivere sociale, credo che un designer debba interrogarsi sul senso di quello che fa. Questa collezione rappresenta per me una risposta".


Secondo il designer, oggi più che mai, la ricerca del bello deve passare dalla sostenibilità, utilizzando anche materiali nati per altri scopi. Per questo, una parte della collezione prende spunto dalle divise militari, ma con "un atto di ribellione che vuole riscoprire il femminile e l'individuale in ciò che, storicamente, è sempre stato quanto di più maschile e spersonalizzante". Ecco quindi che autentici capi della seconda guerra mondiale, ripensati e ricomposti, sono diventati femminili e romantici, come la trapunta in nylon usata per coprire le motociclette che si trasforma in una mantella-poncho antivento, o lo zaino da paracadutista verde militare che diventa una gonna aderente mentre il ritaglio di un borsone da guerra capovolto dà forma a una minigonna e un trench militare originale si sdoppia in un tailleur sartoriale.

L’austerità dei capi militari è bilanciata da pezzi più stravaganti e femminili con disegno camouflage astratto: come l’abito asimmetrico oliva, lo chemisier corallo e il total look camicia e gonna portafoglio rame - tutti in seta bio certificata Gots con finissaggio Oeko Tex by Clerici Tessuto. Ma il contrasto tra leggerezza e rigore esplode in tutta la sua forza e iconicità nel cosiddetto outfit “Yeti”: un abito romantico con balze e volant in georgette bio turchese (impreziosito da cristalli Swarovski senza piombo), ingabbiato da un “harness” decorativo realizzato con bretelle da paracadutista e indossato insieme a guanti artici imbottiti di pile e a un cappuccio militare bordato di eco-pelliccia.


Rispetto ai colori accessi e vibranti delle collezioni precedenti, la palette di Ecomachìa è molto più essenziale, e via via che procede, le tonalità militari del verde e del marrone, e i tocchi di azzurro e corallo, lasciano il posto al nero, che trova ampia espressione nel finale, spesso associato con il giallo fluo, quasi a segnalare pericolo.

Ecomachìa è una collezione decisa e combattiva, nata come reazione al periodo che stiamo vivendo, alla ricerca di una bellezza sorprendente e mai scontata.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.