×
1 532
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Lombardia/Piemonte- Settore Profumeria
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
BOT INTERNATIONAL
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Ufficio After Sales Calzature
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
SYNERGIE ITALIA
Sales Account
Tempo Indeterminato · LUCCA
STUDIO RENÉ ALBA
E-Business Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
Di
AFP
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
15 lug 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Burberry: crollo delle vendite del -45%, previsti 500 licenziamenti

Di
AFP
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
15 lug 2020

Il gruppo britannico di abbigliamento e accessori di lusso Burberry ha visto il proprio fatturato calare del -45% anno su anno, a 257 milioni di sterline (283,7 milioni di euro), nel corso del primo trimestre dell’esercizio fiscale, a causa delle misure di confinamento contro la pandemia di Covid-19.

Burberry è conosciuta in tutto il mondo per i suoi capi in tartan - Burberry


Se la situazione è migliorata a partire da giugno, l’azienda prevede che le presenze nei suoi negozi continueranno a subire gli effetti della pandemia anche nel secondo trimestre e stima vendite in flessione tra il -15% e il -20%.
 
Tra aprile e giugno il giro d’affari è crollato del -75% in Europa e quasi altrettanto negli Stati Uniti, ma meno in Asia (-10%), dove l’attività è nettamente ripresa in Cina, uno dei principali mercati del gruppo, spiega Burberry in un comunicato.

Con le economie occidentali e asiatiche in progressiva ripresa a partire da maggio, il calo delle vendite si è attenuato e si è attestato al -20% nel mese di giugno. La ripresa delle vendite è dipesa soprattutto dalla crescita in Asia, con una progressione del 30% in Cina Continentale a giugno rispetto ai livelli pre pandemia di gennaio, visto che alcuni clienti cinesi che abitualmente comprano all’estero hanno effettuato i loro acquisti nei negozi locali. Anche in Corea del Sud il livello delle vendite di giugno ha superato quello precedente la pandemia.
 
“Nel corso del nostro primo trimestre, il giro d’affari è stato duramente colpito dal crollo della domanda di prodotti di lusso a causa del Covid-19 e ci aspettiamo che ci vorrà del tempo per tornare ai risultati pre crisi”, soprattutto a causa della lenta ripresa del traffico aereo internazionale, precisa Marco Gobbetti, CEO del gruppo, citato nel comunicato. Burberry realizza infatti una buona parte del proprio giro d’affari con i turisti, in particolare negli aeroporti. Gobbetti si dichiara “incoraggiato” dal ritmo di ripresa delle vendite a giugno e dalla reazione “eccellente” al lancio di nuovi prodotti, soprattutto online.
 
Il gruppo segnala che prevede dei “cambiamenti nella propria organizzazione”, che dovrebbero permettere di liberare 55 milioni di sterline (61 milioni di euro) di economie annuali; in particolare, delle “razionalizzazioni degli spazi di lavoro”, con un costo di ristrutturazione di 45 milioni di sterline (50 milioni di euro).
 
“In base alle nostre performance a giugno, per il secondo trimestre prevediamo vendite in calo tra il 15% e il 20% anno su anno”, il che dovrebbe tradursi in una flessione dei margini lordi.
 
Il gruppo si aspetta che il secondo trimestre (da luglio a settembre) continuerà a subire un forte impatto della pandemia, con un flusso di turisti “ancora trascurabile” nei negozi e ancora numerosi store chiusi o aperti a orari ridotti. Queste prospettive di una ripresa molto lenta hanno fatto scendere il titolo del -4,72% alla Borsa di Londra all’apertura degli scambi.

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.