×
1 662
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager Arredo Design
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
MIRA GROUP SRL
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · POGGIOMARINO
CONFIDENZIALE
Responsabile Amministrativo/Contabile
Tempo Indeterminato · FIRENZE
DIAMONDS 4U SRL
Jewelry Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LYLIANE
Purchasing Manager
Tempo Indeterminato · VIGONZA
CONFIDENZIALE
Commerciale Junior Nord Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 dic 2021
Tempo di lettura
6 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Bruno Pavlovsky prevede una sostanziosa crescita nel 2022 per Chanel

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 dic 2021

A margine della presentazione dell’ultima collezione Métiers d'Art di Chanel presso il suo nuovissimo centro per i mestieri artigianali 19M, il presidente della moda del marchio Chanel, Bruno Pavlovsky, ha indicato di prevedere una forte crescita nel 2022 per il marchio francese.

Bruno Pavlovsky - Foto: Chanel


Questo è un momento cruciale per la famosa casa di moda, che ha resistito alla tempesta commerciale causata dalla pandemia globale e ha rivelato il 19M (il cui lancio ufficiale è comunque previsto per gennaio), nuovo importante centro che riunisce le competenze e i know-how degli artigiani della sartoria e della moda, in un edificio architettonico nel nord-est di Parigi, alla Porte d'Aubervilliers.
 
“Il 2022 può rivelarsi una buona cosa dal punto di vista degli affari, ma molto difficile dal punto di vista del quotidiano, perché molto dipenderà dalle condizioni sanitarie. È una grande incognita”, ha ammesso Pavlovsky in una call su Zoom con un pugno di giornalisti di moda di Gran Bretagna e Francia.

“Dobbiamo essere ottimisti, ma anche realisti, perché stiamo affrontando situazioni difficili. Tuttavia negli ultimi due anni ci siamo concentrati sui nostri clienti fedeli e abbiamo visto una crescita a doppia cifra in ogni Paese presso la clientela locale, anche se il turismo ha degli alti e bassi”, ha detto il dirigente.
 
Martedì mattina, il direttore artistico di Chanel, Virginie Viard, ha presentato la sua ultima collezione Métiers d'Art per Chanel, miscela unica di prêt-à-porter di lusso ed elementi sartoriali, la ventesima nella storia della firma francese. Come vuole la tradizione, questa sfilata chiude il sipario sui défilé delle grandi case di moda, creando un vero evento. Inoltre si svolge sempre la prima settimana di dicembre.
 
L'ultima collezione Métiers d'Art ha “raggiunto vendite dal 95% al ​​96%”
 
L'anno scorso, a causa del Covid, Virginie Viard ha presentato la collezione Métiers d'Art in un video girato nel leggendario Château de Chenonceau nella valle dello Cher, filmato da Juergen Teller. “In termini di vendite al dettaglio, abbiamo raggiunto una percentuale di vendite dal 95% al ​​96% per questa collezione! Si tratta della nostra ventesima collezione Métiers d'Art e speriamo di fare ancora meglio”, si entusiasma Bruno Pavlovsky.
 
Nonostante le restrizioni sanitarie, Chanel ha fatto venire i giornalisti a Nizza a bordo di treni Eurostar per assistere allo show. La casa di moda vanta una lunga storia di sfilate epiche, anche se i suoi video di défilé girati durante la pandemia sono stati ugualmente apprezzati dai fan.
 
“Abbiamo dovuto sfilare senza pubblico al castello di Chenonceau e quella collezione si è rivelata uno dei nostri best seller. Le sue immagini e le sue idee hanno chiaramente attirato i clienti nei nostri negozi. Quindi il nostro modo di raccontare storie è rimasto forte”, ha dichiarato.
 
Visto il suo successo, perché altre maison non hanno seguito l'esempio di Chanel, creando proprie collezioni Métiers d'Art?
 
“Gli altri sono stati occupati a fare altro”, ha risposto Bruno Pavlovsky, ridendo. “Mademoiselle Chanel, Karl e ora Virginie hanno sempre lavorato a stretto contatto con tutti questi diversi artigiani. Quando venite nel nostro studio Chanel, sono sempre lì presenti, e lo sono sempre stati. Soprattutto da Chanel, dove realizziamo 10 collezioni all'anno. E ricordatevi che Chanel è stata la prima maison ad impostare una vera partnership a questo livello, decenni fa, lavorando con Lesage o Massaro, Hurel o Goossens. Questi artigiani a loro volta hanno lavorato con molti couturier e direttori artistici. Questa è la chiave della loro longevità: adattarsi alle diverse visioni della moda. Coco Chanel è stata la prima stilista ad avviare queste partnership perché non aveva altra scelta. Fatto evidente anche per Karl. Virginie non inizia mai una collezione senza un dialogo con tutte queste persone”.
 
Un centro di 25.000 metri quadrati che riunisce 600 professionisti
 
Prendendo il nome dall’arrondissement parigino in cui è situato e dai suoi mestieri artigiani, 19M è un centro di 25.000 metri quadrati progettato dall'architetto Rudy Ricciotti, che riunisce 600 professionisti - da ricamatori (Lesage) e calzolai (Massaro) a produttori di cappelli (Maison Michel), plissettatori (Logon) e fornitori di piume (Lemarié), in un luogo unico per competenze e know-how. I suoi cinque piani ariosi sono completati da ‘tentacoli’ di metallo bianco, che richiamano giganteschi fili.
 
Il dirigente francese ha affermato che 19M ora lavora con più di 40 marchi, ognuno con un approccio diverso, da Chanel a Givenchy ai couturier moderni come Alexandre Vauthier.
 
Molte delle attività artigianali acquisite da Chanel sono gestite dalla terza generazione. Spesso in aziende fondate all'inizio del XIX secolo, dove tutto è stato registrato e archiviato, contribuendo a ispirare una nuova generazione di designer.
 
Alla domanda su cosa cerchi Chanel quando acquisisce un fornitore di Métiers d'Art, Pavlovsky risponde: “Un impegno autentico, e non solo una persona; un solido laboratorio; know-how e follow-up. Più o meno una garanzia che continueranno la loro attività. Quando abbiamo acquistato Barrie (specialista scozzese del cashmere, ndr.), l'azienda stava perdendo personale e la gente era meno interessata al cashmere. Ma dopo che l'abbiamo comprato, Barrie ha raddoppiato il numero dei dipendenti e triplicato la produzione!”.
 
Guardando al futuro, Pavlovsky ha rivelato che Chanel è sempre alla ricerca di nuove risorse, forse nei tessuti e nei materiali, il cui sourcing futuro, secondo lui, è “abbastanza fragile”.
 
“Abbiamo pensato alle materie prime tessili e ai tessuti per i quali la sostenibilità è di grande importanza. È molto rilevante sapere dove e quando sono state realizzate le materie prime, per garantire ai nostri clienti quanto c’è di ​​meglio. E diventa sempre più difficile, che sia per il cashmere, la seta o il cotone”, ha sottolineato. Quest'estate, Chanel ha acquisito una quota di maggioranza del produttore italiano di maglieria fine Paima, mentre a novembre ha comprato lo specialista della pelletteria Ateliers De May, basato nel dipartimento della Charente Marittima, in Nuova Aquitania.
 
“Il giorno in cui saremo pronti, daremo il nostro contributo al Metaverso”
 
Alla domanda sugli NFT, Bruno Pavlovsky ha affermato che anche Chanel si sta dedicano ad essi e al Metaverso. “Tre anni fa, tutti parlavano di blockchain e ora la stiamo utilizzando durante tutto il nostro processo di produzione. Il giorno in cui saremo pronti, arriveremo con il nostro contributo al Metaverso”.
 
Tuttavia, non tutto è stato facile per la maison transalpina: Chanel ha appena subito attacchi addirittura brutali sui social media, in particolare su Tik Tok, da fan delusi dall'ultimo calendario dell'Avvento del brand, che include gadget come pin, adesivi o palle di neve, proposto ad un prezzo considerato troppo elevato. Il tutto per articoli che spesso Chanel regala coi normali acquisti. Menzionare l’argomento fa sussultare Bruno Pavlovsky. “Il calendario è stato concepito per essere sostenibile. Se alcuni clienti si sentono frustrati, dovrebbero considerare che c’è stato questo cambiamento”, ha aggiunto.
 
Pavlovsky ha anche voluto minimizzare le notizie secondo cui Chanel avrebbe iniziato a limitare le vendite di prodotti in diversi mercati chiave.
 
“Non abbiamo imposto nuove restrizioni alle vendite in nessun Paese. Abbiamo appena vissuto un anno di grande successo, soprattutto in Corea del Sud, e non abbiamo abbastanza prodotti, soprattutto borse. In molte nazioni, eravamo a corto di scorte. L'anno scorso, durante il Covid, eravamo al massimo livello di stock e abbiamo dovuto chiudere da un giorno all'altro diverse centinaia di punti vendita. È stato complicato, quindi in alcuni negozi i nostri venditori hanno deciso di distribuire il prodotto a più clienti possibili. Questo è stato deciso città per città, specialmente in Corea”, insiste.
 
La sua più grande ossessione è il 19M. È come fosse un figlio per Bruno Pavlovsky, il quale ritiene che il centro rappresenti la nuova generazione di Chanel.
 
“Ci sono molti giovani”, analizza. “Hanno trent'anni, sono artistici e impegnati, appassionati e competenti, e amano quello che fanno. C'è anche molta tecnologia. Quando le persone pensano al fatto di andare in un laboratorio, pensano a qualcosa di vecchio. Ora abbiamo un sacco di stampanti 3D, simulatori e intelligenza artificiale per immaginare cosa si può fare. 19M non è un posto per domani, ma per oggi; le migliori condizioni per i nostri 600 sarti, artigiani e ricamatori. E gli archivi associati alle tecnologie digitali portano tutto questo su un altro livello”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.